Zhejiang, difendeva la sua croce: pastore protestante condannato a 14 anni

Bao Guohua, la moglie e altri 10 fedeli protestanti di Jinhua riconosciuti colpevoli di “appropriazione indebita, turbamento dell’ordine pubblico, attività commerciali illecite, occultamento di documenti e fatture finanziarie”.

Aveva assunto 11 avvocati per evitare la demolizione del simbolo sacro dalla sua chiesa. La “confessione” televisiva dell’avvocato Zhang Kai: “Volevo soldi e fama, ho usato la religione per farmi conoscere. Gli stranieri mi hanno fomentato contro il governo”.

Wenzhou – Un tribunale di Jinhua, (金华) nella provincia orientale del Zhejiang, ha condannato 12 fedeli di una chiesa protestante locale a diversi anni di carcere. La sentenza più pesante è stata comminata al pastore Bao Guohua (包国华), che dovrà scontare 14 anni di reclusione per “appropriazione indebita, turbamento dell’ordine pubblico, attività commerciali illecite, occultamento di documenti e fatture finanziarie” (职务侵占罪、聚众扰乱社会秩序罪、非法经营罪以及隐匿会计凭证、会计账簿、财务会计报告罪). Sua moglie Xing Wenxiang (邢文香) è stata riconosciuta colpevole delle stesse accuse e condannata a 10 anni. Gli altri 10 imputati hanno ricevuto pene inferiori.

I media di Stato hanno iniziato una campagna contro Bao Guohua sin dall’agosto 2015. Il Jinhua Daily, giornale locale che risponde alle autorità, ha pubblicato in prima pagina un articolo sulla coppia il 4 agosto: nel testo si accusano i due di sfruttare la chiesa per fare denaro, sottrarne ai fedeli, comprare macchine e proprietà di vario tipo “conducendo una vita lussuosa”.

L’articolo dice inoltre che durante l’ispezione da parte dell’Ufficio affari religiosi di zona alla sua chiesa, il pastore ha chiesto ai revisori dei conti di nascondere documenti e ricevute fiscali. Infine, l’autore sostiene che nonostante la coppia “apparisse austera in pubblico”, la polizia ha trovato durante una perquisizione in casa una stanza segreta piena di contanti e gioielli.

Fino all’arresto, il pastore Bao Guohua guidava la chiesa del Santo amore – nota come Sheng’aitang, affiliata a quella di Jinhua – e aveva assunto 11 avvocati come consulenti per evitare la rimozione della propria croce nel giugno 2015. Dopo la detenzione, alla coppia è stato impedito di vedere i legali da loro assunti. Anche Joseph Gu (顾约瑟), pastore della chiesa Chonqyi di Hangzhou, deve affrontare l’accusa di appropriazione indebita: è stato arrestato nel gennaio 2016.

Nel frattempo il noto avvocato Zhang Kai, che ha dedicato se stesso e la sua attività a proteggere le croci delle chiese di Wenzhou, è apparso in televisione per “confessare”. Nel servizio il legale dichiara di “aver voluto fare soldi e divenire famoso” (一方面想赚点钱,一方面想赚点名气). Per ottenere questo duplice obiettivo Zhang avrebbe provocato “emozione pubblica contro il governo” incitando assemblee illegali.

Zhang, prosegue il servizio, “ha incitato i fedeli a ignorare l’autorità dello Stato per impedire la demolizione degli edifici illegali delle chiese”. Per farlo, avrebbe “in maniera indebita” descritto queste demolizione come “persecuzione religiosa”. Il suo assistente Liu Peng (刘鹏), anche lui in carcere, lo avrebbe inoltre accusato di “aver voluto perseguire i suoi scopi nonostante gli interessi dei propri clienti”. Infine, Zhang Kai sarebbe stato “sostenuto da organizzazioni straniere”.

Nella sua “confessione”, Zhang ha dichiarato: “Questi casi religiosi sono molto sensibili, potevano crearmi in poco tempo molta fama e portare anche un guadagno economico. Anche le nazioni straniere erano interessate, quindi la mia notorietà all’estero è cresciuta” (这类宗教案件都很敏感,也可以迅速提高我的名气,也可以有一些经济利益,并且境外也非常关注这一类案件,也可以提高我在国际上的名气。). Egli si è poi “pentito delle sue azioni” e ha aggiunto che “organizzazioni straniere mi hanno incitato a fomentare questi episodi perché vogliono attaccare e criticare il governo cinese e la situazione dei diritti umani in patria”.

Infine, il servizio spiega che “data la sua volontà di collaborare e confessare” la polizia “sta considerando la possibilità di cambiare le misure coercitive emesse contro di lui, secondo la legge” (依法变更强制措施).

Asia News,26/02/2016

English article,The New York Times:

Articoli correlati:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.