Yunnan: praticante del Falun Gong rilasciato dalla prigione in condizioni critiche, muore dopo cinque giorni.

Persecuzione subita: Lavori forzati, sentenza illegalmente, iniezioni forzate e somministrazione di sostanze sconosciute, pestaggio, imprigionato, confinato in una cella di isolamento, torture, restrizione fisica e detenuto

 Il signor Luo Jianping della provincia di Sichuan è stato arrestato illegalmente nella contea di Nanhua, provincia di Yunnan, nel gennaio del 2012, è stato condannato e tenuto nel Primo Carcere della provincia di Yunnan. Quando era sul punto di morire, è stato rilasciato per condizioni fisiche critiche, il 23 dicembre 2013; cinque giorni dopo è morto all’età di 51 anni.

Nella immagine una rappresentazione artistica del pestaggio spietato di un praticante del Falun Gong da parte della polizia cinese

In carcere ha subito molti tipi di torture tra cui: Iniezioni di sostanze sconosciute, ammanettato e incatenato, costretto ai lavori forzati, confinato in una cella di isolamento, etc. Il signor Luo ha detto ai suoi familiari che gli è stato iniettato del veleno, mostrando loro i segni neri nella sua mano lasciati dall’iniezione. Era emaciato al momento del rilascio.

All’anziana madre proibito di vedere suo figlio.

Il signor Luo era del paese di Salian contea di Miyi, città di Panzhihua, provincia di Sichuan. Iniziò a praticare la Falun Dafa nel 1996 e viveva seguendo i principi di Verità-Compassione-Tolleranza. Grazie alla pratica della Falun Dafa, scomparve il dolore che aveva alla gamba da quando era piccolo e il suo atteggiamento mentale migliorò.

Da quando il Regime Comunista ha iniziato la persecuzione della Falun Dafa nel luglio del 1999, il signor Luo fu arrestato ripetutamente e molestato: dal Dipartimento di Polizia della contea di Miyi, dalla Divisione di Investigazione Criminale, dall’Ufficio della contea per la Sicurezza Politica e dal Governo della città di Salian, inoltre i funzionari hanno estorto soldi ai suoi familiari.

È stato condannato a cinque anni di carcere all’inizio del 2002, ed è stato detenuto nella Prigione di Deyang a Sichuan, dove è stato torturato e costretto ai lavori forzati.

Il 6 gennaio 2012, il signor Luo e la signora Zhang Jimei, una praticante della Falun Dafa della contea di Miyi, sono stati arrestati dagli agenti della Stazione di Polizia della città di Longchuan. Sono stati visti chiarire i fatti del Falun Gong e distribuire materiale informativo sulla pratica nel villaggio di Shanshang, città di Longchuan, contea di Nanhua, Chuxiongzhou, Yunnan. Il signor Luo è stato portato al Centro di Detenzione della Contea di Nanhua e la signora Zhang al Centro di Detenzione di Chuxiongzhou.

Il 18 gennaio 2012, l’anziana madre settantenne del sig. Luo, si recò presso il Centro di Detenzione della Contea di Nanhua per vederlo. Chiese alla Divisione per la Sicurezza Interna della contea di rilasciare suo figlio, ma il capo della divisione Ma Xiaoyun e l’ufficiale Ji Yun rifiutarono la richiesta e non le consentirono neanche di vederlo.

La madre del signor Luo, tornò dopo un po’ di tempo da Ma Xiaoyun e Ju Yun, per avere il permesso di vedere suo figlio, ma Xiaoyun si rifiutò di vederla e Ji Yun le disse di andarsene dall’ufficio e poi se ne andò…[…]

Leggi di più, clic qui:
Yunnan: praticante del Falun Gong rilasciato dalla prigione in condizioni critiche, muore dopo cinque giorni

Fonte Clear Harmony, 22/02/2014

English version,click here:
Falun Gong Practitioner Mr. Luo Jiangping Released from Prison in Critical Condition, Dies in Five Days

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.