Yan Lianke attivo scrittore e controllato, afferma: i leader mondiali calpestano la situazione dei diritti umani in Cina e si concentrano sul denaro.

L’autore cinese Yan Lianke, le cui opere sono bandite nella sua patria e pesantemente censurate, ha esortato i leader mondiali a non esimersi dal confrontarsi con la Cina sulla sua situazione dei diritti umani.


Yan, le cui schiette rappresentazioni della vita cinese hanno spinto anni di censura statale, ha detto che i leader che stringono affari in Cina sono diventati troppo concentrati sui legami economici.

Il romanziere sessantenne ha detto ad Agence France-Presse che Pechino ha bisogno di affrontare le questioni dei diritti umani, ma i politici in visita “non si preoccupano minimamente di questa questione”.

Lunedì 27/08/2018, lo scrittore in vista della sua prima apparizione in un festival britannico all’Edinburgh International Book Festival ha dichiarato:

“Il problema è che questo problema viene schivato. Sembrano più affari di soldi e accordi”.

Da quando il presidente Xi Jinping è entrato in carica nel 2012, le autorità cinesi hanno pesantemente ridotto lo spazio per le libertà civili e le critiche al Partito comunista.

Il primo ministro britannico Theresa May è stato messo sotto pressione prima della sua visita a Pechino nel mese di febbraio, ma non ha rilasciato dichiarazioni pubbliche al riguardo.

Downing Street ha insistito che le preoccupazioni sui diritti umani sono state sollevate in privato, ma il tabloid nazionalista cinese della rivista Times l’ha lodata per aver “aggirato” questioni spinose.

Durante la visita in Cina il mese precedente del presidente francese Emmanuel Macron è stato elogiato nello stesso editoriale per aver dichiarato di aver ignorato “l’opinione pubblica radicale” e sorpassato i  “pregiudizi contro Pechino”.

Durante una riunione privata in aprile, Nicola Sturgeon, che guida il governo scozzese semi-autonomo a Edimburgo,  parlò degli abusi del governo cinese.

Seguì il crollo di un accordo di 10 miliardi (US$13 miliardi) di investimenti  quantità di investimenti in Scozia con la Cina  tra la critiche rivolte alle imprese da parte di gruppi per diritti umani.

Yan ha detto che:

“Tutti i miei scritti sono strettamente collegati alla realtà cinese, per amore verso il mio popolo, e di essere sorpreso del fatto che il suo lavoro sia stato spesso caratterizzato come satira in altri paesi.”

“In Cina, molti critici e lettori credono che Yan Lianke affronta il dolore e la sofferenza della Cina, ma al di fuori della Cina, questo si trasforma in satira e umorismo, immagino che questa debba essere la differenza delle culture”.

Il romanziere ha ricevuto numerosi premi internazionali, tra cui il premio Franz Kafka 2014, ed è stato selezionato per il Man Booker International Prize nel 2016.

Tutti i libri venduti in Cina devono passare attraverso un processo di approvazione ufficiale.

Molte delle opere di Yan, ambientate durante periodi delicati di sconvolgimento come il Grande Balzo in Avanti, che causò una delle peggiori carestie di tutti i tempi, e la Rivoluzione Culturale, sono state censurate.

Una delle sue opere più famose,The Joy of Living, che parla di un villaggio di contadini disabili che attraversano i tumultuosi anni della Cina, l’ha fatto espellere dal dipartimento di propaganda dell’esercito nel 2003.

Nel 2005, ha pubblicato un romanzo vicino al suo cuore, sugli scandali sul traffico commerciale di sangue che hanno contagiato migliaia di persone con HIV e spazzato via interi villaggi nella sua provincia nativa, l’Henan.

È stato inizialmente pubblicato ma poi richiamato, nonostante gli sforzi per personalizzare i suoi contenuti per passare la censura.

Il suo prossimo romanzo sembra essere altrettanto controverso: un’esplorazione delle cinque principali religioni in Cina.

Nonostante sia stato bandito, i suoi libri hanno attratto una base di fan sotterranei all’interno del paese, con i lettori che passavano brani e copie pirata online.

Yan ha detto di aver rinunciato di tentare di aggirare la censura e ora si concentra esclusivamente sul mercato internazionale.

“La Cina non pubblica più i miei romanzi, quindi non c’è più alcuna censura”, ha detto, riflettendo che gli applausi internazionali fanno poco per migliorare la sua reputazione con il Partito comunista.

“Non ho bisogno di auto-censurare e non ho bisogno di nessun altro per censurare, quindi ho più libertà nella mia scrittura.

“Ad esempio, in The Four BookseThe Day The Sun Die, la mia scrittura è stata molto sfrenata, perché non ho più bisogno di pubblicare in Cina.”

Traduzione Laogai Research Foundation


Fonte: South China Morning Post,29/08/2018

Versione inglese:

World leaders quiet on China’s human rights record and focus on money, says censored author Yan Liank

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.