- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

Xi Jinping spiega perché è contro i diritti umani

Il presidente cinese sostiene che i “diritti umani”, la “libertà” e la “democrazia” sono valori borghesi, occidentali che un paese marxista non accetterà mai.

 

 

Uno dei più grandi errori di molti media e politici occidentali è che non leggono Xi Jinping [1] – Xi Jinping [1] in cinese, cioè perché i suoi scritti ideologici più importanti sono raramente tradotti in inglese dal PCC [2] .

Il quotidiano del PCC  [2]People’s Daily pubblica una serie molto utile “Domande e risposte sullo studio dei pensieri di Xi Jinping [1] sul socialismo con caratteristiche cinesi nella nuova era”. La serie è approvata personalmente da Xi Jinping [1] e le risposte sono un riassunto dei suoi scritti e discorsi.

Il 2 settembre, rata n. 34 [3] della serie offriva la risposta di Xi Jinping [1] alla domanda “Perché dovremmo prendere una posizione chiara contro i cosiddetti ‘valori universali’ dell’Occidente?” Perché, infatti?

I “valori universali” di cui parla Xi Jinping [1] sono “i valori di ‘libertà’, ‘democrazia’ e ‘ diritti umani [4] ‘ sostenuti dalla moderna borghesia occidentale”. Xi Jinping [1] è come al solito un marxista molto ortodosso e divide la storia umana in fasi. La fase dell'”autocrazia feudale” è stata sconfitta dalla fase più progressista delle rivoluzioni borghesi. Allora la fase del liberalismo borghese è stata, o dovrebbe essere, a sua volta sconfitta dal socialismo marxista. I valori di libertà, democrazia e diritti umani [4] , Xi Jinping [1]spiega “ha svolto un ruolo storico nel processo di opposizione all’autocrazia feudale”. Durante quel processo, erano valori progressivi. Tuttavia, nel quadro della teoria dialettica della storia marxista, gli stessi valori, che un tempo erano progressisti, sono diventati reazionari nella fase storica successiva. “Man mano che la borghesia ha acquisito una posizione dominante, scrive Xi Jinping [1] , questi valori sono diventati sempre più strumenti per mantenere il dominio del capitale”.

È una strategia “intelligente” della borghesia internazionale, guidata “dagli Stati Uniti e da altri paesi occidentali”, continua Xi Jinping [1] , per “confezionare questi valori come “valori universali” e promuoverli a livello globale, il che confonde molte persone”. La verità per il presidente cinese è che, se si aderisce come lui al materialismo dialettico marxista, non esistono “valori universali” validi per tutte le fasi della storia. Democrazia, libertà e diritti umani [4] erano strumenti utili e validi utilizzati dalla borghesia per sconfiggere l'”autocrazia feudale”. Nella fase successiva della storia, sono armi reazionarie per “mantenere il dominio del capitale” sui proletari, e dovrebbero essere liquidate dal socialismo.

Promuovere la libertà, la democrazia e i diritti umani [4] come “valori universali” crea una “nebbia ideologica” la cui “essenza e danno” dovrebbe essere esposta. Un argomento ad hominem, usato frequentemente da Xi Jinping [1] e qui ripetuto, è che gli Stati Uniti non credono veramente in questi valori, come dimostra la loro storia di razzismo sistemico denunciata dal movimento Black Lives Matter. Più preoccupante per Xi Jinping [1] è che i “valori universali” di libertà, democrazia e diritti umani [4]sono stati usati per causare “la disintegrazione dell’Unione Sovietica, i drastici cambiamenti nell’Europa orientale, la ‘rivoluzione colorata’ e le ‘primavere arabe’”, “tutti causati dall’intervento degli Stati Uniti e dell’Occidente”. Peggio ancora, l’Occidente promuove questi valori in Cina, dice Xi Jinping [1] , per “rovesciare definitivamente la leadership del Partito Comunista Cinese e il sistema socialista del mio Paese”, la cui caduta è “inimmaginabile”.

Il fatto che non ci siano “valori universali”, spiega Xi Jinping [1] , non significa che non ci siano “valori comuni” come la pace, lo sviluppo o la giustizia. Tuttavia, questi valori comuni possono e devono essere interpretati secondo diversi sistemi politici e tradizioni nazionali. Il modo in cui i valori comuni vengono interpretati in Cina o in Russia non è lo stesso che negli Stati Uniti o in Europa.

Naturalmente, questa è la scusa di tutti i regimi totalitari che rifiutano di concedere alle loro vittime diritti umani [4] , libertà e democrazia. Sostengono che questi sono valori “occidentali” e non possono essere applicati universalmente. Le parole di Xi Jinping [1] sono musica per le orecchie di tutti i dittatori del mondo, ed è per questo che sostengono la Cina alle Nazioni Unite ogni volta che viene denunciato il suo abissale record di diritti umani [4] .

Ora, Xi Jinping [1] dice a chi vuole e può fermarsi cinque minuti a leggere i suoi scritti che non è un caso che in Cina non ci siano diritti umani [4] , libertà e democrazia. È parte integrante dell’ideologia del PCC [2] . Il PCC [2] può insistere sul fatto che non ci sono libertà, democrazia e diritti umani [4] “nel senso occidentale” in Cina, ma queste parole hanno un significato diverso all’interno della tradizione e del sistema politico cinese (o russo o arabo). Questo è precisamente ciò che la Dichiarazione universale dei diritti umani [4] e la moderna teoria dei diritti umani [4] negarono, dopo che i nazisti avevano similmente affermato che i diritti umani [4]non erano universali e che la Germania aveva una sua tradizione diversa. Non esistono diritti umani [4] “occidentali” o “orientali” . Ci sono solo i diritti di cui gli esseri umani dovrebbero godere in quanto esseri umani, radicati nella comune natura umana piuttosto che in una tradizione storica o in un sistema politico. O sono rispettati o non sono rispettati. Xi Jinping [1] sta dicendo al mondo che la Cina non li rispetta e non li rispetterà, se solo il mondo ascoltasse.

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: Massimo Inrovigne-Bitter Winter.org, 07/09/2021 [5]

Articolo in inglese:

Xi Jinping Explains Why He Is Against Human Rights  [5]