Xi ha reso il mondo un nemico, dice Cai Xia, espulso membro del Partito comunista cinese.

Sotto il regime di Xi, il Partito Comunista Cinese non è una forza di progresso per la Cina. In realtà, è un ostacolo al progresso della Cina, ha detto Cai Xia.

NUOVA DELHI: Un ex membro del Partito Comunista Cinese ha accusato il presidente cinese Xi Jinping di fare del “mondo un nemico” – un riferimento alle tensioni con Stati Uniti e India – da usare come tattica diversiva per consolidare il suo potere in patria.

In un’intervista al quotidiano Guardian, Cai Xia, un ex professore presso la scuola d’élite cinese del partito centrale, che è stato espulso lunedì dal Partito comunista cinese, si è opposto pesantemente a Xi dicendo che “Sotto il regime di Xi, il Partito comunista cinese è non una forza di progresso per la Cina. In effetti, è un ostacolo al progresso della Cina “.

Ha anche accusato Xi di “danneggiare la reputazione del paese”, aggiungendo che molti nel partito avevano una visione simile.

I legami tra Cina e Stati Uniti sono stati tesi sotto molti punti di vista: il commercio, il Mar Cinese Meridionale, la difficile situazione degli uiguri per citarne alcuni. I legami con l’India sono stati tesi a causa delle tensioni lungo il confine. L’India ha accusato la Cina di intromettersi nel territorio indiano in diversi punti del Ladakh. Le tensioni sono state aggravate da un violento scontro il 15 giugno in cui sono stati uccisi 20 soldati indiani e un numero imprecisato di truppe cinesi.

Sulle tensioni USA-Cina, Cai ha detto: “Potete vedere il confronto tra Cina e Stati Uniti. Ha reso il mondo un nemico. A casa, spetta a lui decidere tutte queste grandi questioni. Che si tratti di una questione nazionale o internazionale, è molto difficile per gli altri limitarlo. È inevitabile che il suo giudizio e le sue decisioni siano sbagliati “.

Quando gli è stato chiesto perché Xi sarebbe diventato un nemico del mondo, Cai ha detto: “Ci sono diversi fattori. Tra questi c’è che vuole consolidare la propria posizione e autorità. Considerando le tensioni economiche e sociali interne, così come quelle del partito degli ultimi anni, penserà a modi per distogliere l’attenzione del pubblico cinese, provocando conflitti con altri paesi, ad esempio incoraggiando il sentimento anti-americano e il recente scontro tra Cina e India “.

Cai ha anche incolpato il “potere incontrollato” di Xi per errori, inclusa la gestione da parte del paese dell’epidemia di covid-19. La SARS-CoV2 è emersa a Wuhan alla fine dell’anno scorso e ha ammalato milioni di persone in tutto il mondo e ucciso più di 766.000 persone.

Ha aggiunto nell’intervista “Se lo sapeva il 7 gennaio, perché ci è voluto fino al 20 gennaio per annunciare l’epidemia? In altre parole, il fatto che le persone gli nascondessero la notizia è il risultato del sistema “, ha detto Cai.” Ma quando ha saputo della situazione il 7 gennaio, non l’ha resa pubblica né mobilitato risorse. Quindi non avrebbe dovuto. ha la responsabilità? “.

Traduzione Giuseppe Manes,Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: LiveMint,19/08/2020

Articolo in Inglese:

Xi made the world an enemy, says expelled Chinese Communist Party member Cai Xia 

 

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.