Usa: scoperta rete sotto copertura radio controllate da Pechino

Il ministero della Giustizia Usa e la ‘Federal Communications Commission’ hanno aperto un’inchiesta su una societa’ californiana che possiede emittenti radio negli Usa sostenute da un’entita riconducibile al governo cinese, in violazione della legge americana che vieta ai Paesi stranieri di controllare emittenti radio o tv.

Le inchieste fanno seguito ad un reportage dell’agenzia Reuters anglo-canadese che ha svelato l’esistenza di questo network di radio ‘cinesi’ che trasmettono sia in inglese che in mandarino da una decina di citta’ americane inclusa Washington, Philadelphia, Boston, Houston e San Francisco.

La societa’ californiana e’ proprieta’ di James Su, un cittadino naturalizzato americano nato a Shanghai, la cui societa’ e’ posseduta al 60% da una sussidiaria della radio di Stato cinese, ‘China Radio International’ (CRI).

La rete del signor Su sostenuta dalla Cri e’ solo quella attiva negli Usa. Reuters ne ha individuate altre due attive in Europa e nella regione Asia-Pacifico per un totale di 33 stazioni in 14 nazioni, tutte di fatto sostenute e quindi conttrollate dal governo di Pechino.

Fonte: AGI, 3 nov 15

English article: Reuters, Beijing’s covert radio network airs China-friendly news across Washington, and the world

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.