Usa-Cina: silenzio media cinesi su dichiarazioni Hu per diritti umani

I commenti sui diritti umani del presidente americano Barack Obama e il collega cinese Hu Jintao sono completamente assenti dai media cinesi. Un black out che contrasta con l’estesa copertura mediatica della visita e che ha colpito anche le trasmissioni della Bbc, oscurate quando e’ andato in onda un servizo sulla questione. In Occidente le inusuali parole di Hu sul fatto “c’e’ ancora molto da fare sui diritti umani in Cina” sono state ampiamente riportate, ma in Cina non ve ne e’ praticamente traccia. La principale Tv cinese, la Cctv, non ha trasmesso in diretta la conferenza stampa congiunta in cui sono state pronunciate queste parole, ne’ l’ha sucessivamente mostrata. Il Quotidiano del Popolo, organo ufficiale del partito comunista cinese, ha dedicato due pagine al vertice senza mai parlare dei diritti umani. L’agenzia stampa ufficiale, Xinhua, ha citato solo di passaggio la conferenza stampa, senza fornirne una trascrizione. Solo sul suo sito Web in inglese si puo’ leggere una frase di Hu: “la Cina riconosce e rispetta l’universalita’ dei diritti umani. Allo stesso tempo, crediamo che bisogna anche tener conto delle diverse circostanze nazionali quando si tratta del valore universale dei diritti umani”. La maggior parte dei servizi dei media cinesi si sono soffermati sugli aspetti formali della visita e dell’accoglienza di Hu alla Casa Bianca, con enfasi sulla necessita’ di trovare “un terreno comune” fra i due paesi e sul “nuovo capitolo” apertosi nelle relazioni bilaterali.

Fonte: Libero-news.it, 21 gennaio 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.