Usa allarmati: in Cina peggiora situazione diritti umani

Gli Stati uniti hanno segnalato oggi allarme per il deterioramento dei diritti umani in Cina, in una dichiarazione destinata a diventare tema centrale di dibattito durante la visita imminente del presidente Xi Jinping a Washington.

Delegazioni delle due potenze si sono incontrate ieri e avranno nuovi colloqui oggi nella capitale Usa per il loro annuale “Dialogo sui diritti umani”, nel quale in genere vengono affrontate le principali tematiche umanitarie.

“Il dialogo ci ha dato una possiblità di trasmettere in anticipo rispetto alla visita il crescente senso di allarme negli Stati uniti per gli sviluppi sui diritti umani in Cina e di sottolineare l’importanza dei fare miglioramenti specifici in linea con le leggi della stessa Cina e gli impegni internazionali”, ha detto l’assistente segretario di Stato per i diritti umani Tom Malinowski.

“Il recente deterioramento della situazione dei diritti umani – ha aggiunto – e la crescente enfasi del governo cinese sulla sua retorica e sulle sue legge in quelle che definisce ‘infiltrazioni culturali e influenza occidentale’, pone serie questioni sul fatto che la Cina rimanga o meno sulla via di una più grande apertura e integrazione con il mondo o ha iniziato a fare marcia indietro”.


Fonte: Afp, 15/7/15

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.