Uomo tibetano condannato in Svezia per spionaggio: passava informazioni alla Cina sui conterranei

Un residente tibetano in Svezia è stato condannato venerdì a 22 mesi di carcere da una corte svedese per spionaggio, portando a termine un caso che evidenzia la penetrazione di Pechino delle comunità di esuli etnici in tutto il mondo.


Secondo un rapporto del 15 giugno dell’Associated Press, Dorjee Gyantsan, 49 anni (nella foto), è stato riconosciuto colpevole dal tribunale distrettuale di Soderton, nei pressi di Stoccolma, per aver raccolto informazioni sulle identità, opinioni politiche e viaggi di altri tibetani che vivono in Svezia.

La corte ha dichiarato che Gyantsan,  ha sorvegliato gli esuli tibetani per la Cina da luglio 2015 a febbraio 2017, passando le informazioni raccolte a un ufficiale dell’intelligence cinese in Polonia,  e di essere stato pagato 50.000 corone (US $ 6.000) in almeno una occasione.

Parlando al servizio tibetano della RFA venerdì, Jamyang Choedon, presidente della comunità tibetana in Svezia, ha espresso il sollievo che è stata finalmente raggiunta una “chiara conclusione” sulla questione della colpevolezza di Gyantsan.

Choedon ha dichiarato: “Noi tibetani in Svezia supportiamo pienamente, concordiamo e sosteniamo la decisione della corte”. Come profughi tibetani in Svezia, il nostro unico pensiero è di aiutarci l’un l’altro piuttosto che farci del male a vicenda, così quando abbiamo sentito per la prima volta la notizia di questo spionaggio cinese, siamo rimasti scioccati e non potevamo crederci”.

Famiglie interrogate, molestate

Choedon ha aggiunto: “A seguito dello spionaggio di Gyantsan, familiari e parenti che vivono ancora in Tibet sono stati interrogati e molestati dalle autorità cinesi. A causa di questo fatto, alcuni tibetani che vivono in Svezia non avevano più la libertà di lavorare e agire senza impedimenti nella loro nuova casa”

Il Servizio di sicurezza svedese ha notato che le attività illegali di intelligence rivolte ai rifugiati sono un metodo spesso usato per impedire loro di criticare il regime del paese da cui sono fuggiti, ed è anche usato per ottenere il controllo sulle persone che sono scappate.

Anche gli uiguri etnici che vivono in Svezia hanno riferito di essere stati messi sotto pressione dalla Cina per spiare la comunità di esuli lì.

“Le attività illecite di intelligence contro i rifugiati sono un crimine molto grave”, ha dichiarato Daniel Stenling, capo dell’Unità di contro-intelligence del Servizio di sicurezza svedese, in una dichiarazione dopo l’arresto di Gyantsan il 26 febbraio 2017, e “mina il processo democratico, impedisce alle persone che sono già vulnerabili e che hanno abbandonato i loro paesi dall’esercitare i diritti e le libertà che dovrebbero godere sotto la costituzione della Svezia “

Traduzione Laogai Research Italia Onlus: “L’altra Cina: in ricordo di Harry Wu”

Radio Free Asia,15/06/2018

English article,RFA: Tibetan Man Convicted in Sweden of Spying For China

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.