Università canadese chiude Istituto Confucio per discriminazione

NTD Television,27.12.2013

La McMaster University del Canada sta chiudendo definitivamente una controversa classe di lingua cinese a seguito di una denuncia sulle sue pratiche discriminatorie di assunzione.

L’Istituto Confucio è stato istituito nel 2008 tramite l’Università di Lingua e Cultura cinese di Pechino. L’Istituto è in parte finanziato dal governo cinese.

In foto: Nell’agosto 2011, ad una manifestazione a Toronto, Sonia Zhao tiene un discorso sulla persecuzione del Falun Gong in Cina. Quando era in Cina la Zhao, un’ex insegnante dell’Istituto Confucio presso la McMaster University, prima di entrare a far parte dell’istituto ha dovuto firmare una dichiarazione in cui prometteva di non praticare il Falun Gong (Gordon Yu/Epoch Times)

Nel 2011, Sonia Zhao si è trasferita in Canada in qualità di insegnante per l’Istituto, ma il suo contratto di lavoro firmato in Cina conteneva un comma particolare, una clausola nella quale dichiarava di non poter essere una praticante del Falun Gong.

Qual è il problema? Sonia Zhao è una praticante del Falun Gong, la disciplina spirituale conosciuta anche come Falun Dafa, i cui praticanti sono perseguitati duramente dal regime cinese dal 1999. Quando Sonia si è trasferita in Canada, ha dovuto
tenere nascosto il suo credo ai suoi colleghi cinesi.

La Zhao, ha dichiarato: «Semplicemente non potevo essere me stessa. Ecco come mi sono sentita per un anno intero. Questa è la condizione che sto vivendo».

Sonia racconta di essersi sentita libera solamente allo scadere del suo incarico presso l’istituto, momento in cui ha presentato una denuncia presso il Tribunale per i Diritti Umani dell’Ontario.

Secondo quanto detto da Andrea Farquhar – presidente associato delle relazioni pubbliche e governative della McMaster – a Ntd, l’università stava già sollevando «da un tempo considerevole» dei sospetti riguardo le pratiche di assunzione dell’Istituto «prima ancora che la denuncia al Tribunale per i Diritti Umani fosse presentata».

La Mc Master ha cercato di raggiungere una risoluzione con le sue controparti a Pechino ma senza successo, per cui il 7 febbraio l’università ha annunciato che questa estate chiuderà l’Istituto Confucio.

La Falun Dafa Association of Canada, che ha sostenuto Sonia nella circostanza, è stata lieta di apprendere la notizia.
Joel Chipkar, portavoce della Falun Dafa Association of Canada, ha dichiarato: «Un’importante questione [da noi sostenuta, ndt] è che gli Istituti Confucio, attraverso il persuadere gli atenei a firmare contratti, sono diventati una parte dell’università canadese. Non sono entità giuridiche separate, sono un’unica entità e ciò significa che se nei suoi contratti l’Istituto Confucio è discriminante nei confronti delle persone, lo è anche l’università nei propri contratti».

Gli Istituti Confucio sono supportati dal governo cinese, con più di trecento filiali in tutto il mondo.

Il regime cinese afferma che gli Istituti promuovono semplicemente la lingua e la cultura cinese, ma i servizi segreti canadesi sostengono che siano un’espressione della campagna della Cina per estendere il suo soft power [il potere di persuasione di una parte politica senza l’utilizzo di mezzi bellici, ndt] all’estero.

Il 14 febbraio Sonia Zhao e la McMaster interverranno alla mediazione sulla sua denuncia.

Fonte, Epoch Times:http://www.epochtimes.it/news/universita-canadese-chiude-istituto-confucio-per-discriminazione—124995

English Version:
http://www.theepochtimes.com/n3/414578-canada-s-mcmaster-university-to-close-confucius-institute-over-discrimination/

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.