Un attivista pro-democrazia di Hong Kong è stato condannato a sei mesi di carcere

Joshua Wong, che aveva partecipato alle proteste del 2014 contro le ingerenze della Cina, non potrà candidarsi alle elezioni amministrative per i prossimi cinque anni.

L’attivista democratico di Hong Kong Joshua Wong è stato condannato a sei mesi di carcere per aver partecipato alle proteste in favore della democrazia del 2014. Era già stato condannato lo scorso anno ai servizi sociali, ma il governo di Hong Kong ha fatto ricorso sostenendo che quella sentenza era troppo indulgente.

La nuova condanna, oltre a prevedere il carcere, vieta a Wong di candidarsi alle elezioni amministrative per i prossimi cinque anni. Altri due leader studenteschi, Nathan Law e Alex Chow, sono stati condannati rispettivamente a 8 e 7 mesi di prigione.

Il ricorso del governo di Hong Kong è stato giudicato come un pretesto di natura politica destinato a dissuadere le proteste future e a tenere i giovani lontani dall’attivismo politico. Il governo ha negato tutto ciò.

“Imprigionarci non spegnerà il desiderio dei cittadini di Hong Kong di avere il suffragio universale. Siamo più forti, più determinati e vinceremo”, ha scritto Wong su Twitter il 17 agosto 2017.

TPI News,17 agosto 2017

English article, The Guardian:

Hong Kong democracy campaigners jailed over anti-China protests

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.