- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

Ue: nuovo record prodotti pericolosi, Cina resta in maglia nera (Video)

BRUXELLES – Nuovo record di prodotti non alimentari pericolosi stoppati sul mercato europeo nel 2014, quasi 2.500, grazie al sistema d’allarme rapido Ue Rapex. Ancora una volta, è dalla Cina che proviene la stragrande maggioranza (64%, come nel 2013) dei beni di consumo che mettono a rischio la salute.

 Dai seggioloni che si ribaltano agli accendini-giocattolo, dai vestitini alle bambole con parti piccole staccabili a rischio soffocamento sino alle maschere di carnevale infiammabili, sono state 2.435 le segnalazioni dei 28, con un aumento del 3% rispetto al 2013.

Tra i prodotti a cui stata fatta particolare attenzione lo scorso anno anche le perline per i braccialetti dei bimbi, i termos con rivestimento isolante all’amianto e le scale da lavoro pericolose. A queste sono seguite ulteriori 2.775 azioni. L’Italia ha inoltrato circa 40 segnalazioni ed effettuato 25 azioni di follow-up. E’ sceso a 39 il numero di prodotti ‘made in Italy’ tra i segnalati non a norma Ue, dai 42 del 2013 e i 52 del 2012.

I prodotti più pericolosi si confermano quindi i giocattoli (28%) e i prodotti tessili (23%), seguiti dal materiale elettrico (9%) e dagli autoveicoli (8%).

I paesi che hanno effettuato il maggior numero di segnalazioni restano la Germania (296), l’Ungheria (291) e la Spagna (280), in un quadro di tendenza piuttosto stabile nel corso degli ultimi anni e che dipende, spiegano gli esperti della Commissione, da tipologia e dimensioni dei mercati nazionali, importazioni, situazione geografica e tipologia di controlli alla dogana e legislazione vigente.

Oltre alla Cina, gli altri prodotti pericolosi provengono dai paesi europei (14%), Turchia (3%), altri paesi terzi (12%), mentre il 7% sono di origine ignota.

Ansa,23/03/2015

English article, DW,de:

Video AskaNews: 

https://youtube.com/watch?v=fQBIxmKjC_4