Ue: nuovo record prodotti pericolosi, Cina resta in maglia nera (Video)

BRUXELLES – Nuovo record di prodotti non alimentari pericolosi stoppati sul mercato europeo nel 2014, quasi 2.500, grazie al sistema d’allarme rapido Ue Rapex. Ancora una volta, è dalla Cina che proviene la stragrande maggioranza (64%, come nel 2013) dei beni di consumo che mettono a rischio la salute.

 Dai seggioloni che si ribaltano agli accendini-giocattolo, dai vestitini alle bambole con parti piccole staccabili a rischio soffocamento sino alle maschere di carnevale infiammabili, sono state 2.435 le segnalazioni dei 28, con un aumento del 3% rispetto al 2013.

Tra i prodotti a cui stata fatta particolare attenzione lo scorso anno anche le perline per i braccialetti dei bimbi, i termos con rivestimento isolante all’amianto e le scale da lavoro pericolose. A queste sono seguite ulteriori 2.775 azioni. L’Italia ha inoltrato circa 40 segnalazioni ed effettuato 25 azioni di follow-up. E’ sceso a 39 il numero di prodotti ‘made in Italy’ tra i segnalati non a norma Ue, dai 42 del 2013 e i 52 del 2012.

I prodotti più pericolosi si confermano quindi i giocattoli (28%) e i prodotti tessili (23%), seguiti dal materiale elettrico (9%) e dagli autoveicoli (8%).

I paesi che hanno effettuato il maggior numero di segnalazioni restano la Germania (296), l’Ungheria (291) e la Spagna (280), in un quadro di tendenza piuttosto stabile nel corso degli ultimi anni e che dipende, spiegano gli esperti della Commissione, da tipologia e dimensioni dei mercati nazionali, importazioni, situazione geografica e tipologia di controlli alla dogana e legislazione vigente.

Oltre alla Cina, gli altri prodotti pericolosi provengono dai paesi europei (14%), Turchia (3%), altri paesi terzi (12%), mentre il 7% sono di origine ignota.

Ansa,23/03/2015

English article, DW,de:

Video AskaNews: 

https://youtube.com/watch?v=fQBIxmKjC_4

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.