UE: interrogazione parlamentare sul lavoro forzato in Cina

Il 14 giugno scorso 18 eurodeputati, dei più diversi schieramenti politici,  hanno presentato a Bruxelles un’interrogazione parlamentare: “L’Ue affronti senza ulteriori ritardi il dramma mondiale dei lavoratori-schiavi in Cina”.

L’interrogazione è registrata col numero E-005931/2012 ed è stata firmata da Elisabetta Gardini (PPE), Gabriele Albertini (PPE), Roberta Angelilli (PPE), Paolo Bartolozzi (PPE), Mara Bizzotto (EFD), Antonio Cancian (PPE), Sergio Gaetano Cofferati (S&D), Lara Comi (PPE), Carlo Fidanza (PPE), Lorenzo Fontana (EFD), Mario Mauro (PPE), Erminia Mazzoni (PPE), Claudio Morganti (EFD), Cristiana Muscardini (PPE), Fiorello Provera (EFD), Oreste Rossi (EFD), Licia Ronzulli (PPE), Marco Scurria (PPE), Sergio Paolo Francesco Silvestris (PPE), Andrea Zanoni (ALDE). Il testo si può leggere sul sito del Parlamento Europeo

Riportiamo qui il comunicato stampa dell’IDV in materia. Ci infonde coraggio e speranza vedere che i diritti umani secondo alcuni nostri rappresentanti, sono prioritari rispetto alle questioni economiche. Speriamo in una risposta concreta da parte della Commissione Europea, che finora non ha mostrato di credere nella medesima scala di valori.

FRP

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.