Ue, Cina top in export prodotti pericolosi in Europa

Sebbene faccia registrare un lieve calo rispetto al 64% dell’anno precedente, col 62% di prodotti pericolosi segnalati la Cina resta al primo posto tra i Paesi di origine del Sistema di allarme rapido Ue nel 2015.

Proprio per questo la commissaria europea alla Giustizia e ai consumatori, Vera Jurova, nel presentare i dati del Sistema del 2015 ha annunciato un viaggio in Cina “per rafforzare la cooperazione in materia di sicurezza dei prodotti”.

Giocattoli (27% delle notifiche) e abbigliamento, prodotti tessili e articoli di moda (17%) hanno costituito le due principali categorie di prodotti più segnalate e per le quali sono state adottate misure correttive. Per quanto riguarda i rischi, nel 2015 quello evidenziato più di frequente (25%) è il chimico, seguito da quello da ferite (22%), che figurava in testa all’elenco nella relazione precedente.

Nel 2015 sono stati registrati nel sistema 2072 allarmi e 2745 azioni correttive. Il Paese che ha inviato il maggior numero di segnalazioni è stata la Spagna (239), seguita da Ungheria (238) e Germania (208). L’Italia ha inviato 56 notifiche.

Emergono inoltre in lieve crescita, dal 14 al 15% le notifiche per prodotti i cui Paesi sono Ue, e sale anche il numero di prodotti pericolosi di produzione sconosciuta, dal 7% (2014) al 10% (2015).

Ansa,25/04/2016

English article, European Commission:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.