Twitter e Facebook ha eliminato oltre 2.000 account che facevano propaganda per la Cina

Twitter e Facebook hanno dichiarato di aver rimosso migliaia di account collegati alle campagne di informazione cinesi, nell’ultimo segno delle ambizioni di Pechino di plasmare la narrativa globale intorno al Paese.

In un avviso pubblicato all’inizio di giovedì, Twitter ha affermato di aver preso provvedimenti contro due reti che comprendono oltre 2.000 account che hanno lavorato per minare le accuse di violazioni dei diritti umani nella regione cinese occidentale dello Xinjiang, dove i funzionari cinesi hanno internato le minoranze musulmane e le hanno sottoposte a severa sorveglianza.

Entrambe le reti hanno promosso video girati nello Xinjiang che cercavano di ritrarre la regione come una regione di prosperità e libertà. Una delle reti, che Twitter ha attribuito al Partito comunista cinese, ha anche coordinato attacchi verbali contro attivisti e articoli critici nei confronti della Cina, mentre ha sostenuto i media statali cinesi con commenti e ” Mi piace” positivi, secondo un rapporto sulla rimozione pubblicato dallo Stanford Internet Observatory , un gruppo di ricerca focalizzato sull’uso improprio della tecnologia e dei social media.

Il New York Times e ProPublica hanno identificato per la prima volta un gran numero di account nella rete in un rapporto di giugno sulla campagna per proiettare la normalità nello Xinjiang.

Sebbene molti degli oltre 30.000 tweet attribuiti alla rete abbiano ricevuto scarso coinvolgimento, l’uso di molestie e hashtag indica “uno sforzo per riformulare il dibattito globale o per eliminare le narrazioni critiche/contraddittorie”, afferma il rapporto di Stanford.

In una dichiarazione separata rilasciata alla fine di mercoledì, Facebook ha affermato di aver rimosso più di 500 account dopo aver contribuito ad amplificare i post di un falso biologo svizzero di nome “Wilson Edwards” che sosteneva che gli Stati Uniti stavano interferendo negli sforzi dell’Organizzazione mondiale della sanità per tracciare le origini del Covid-19. Le accuse del falso scienziato sono state citate dai media statali cinesi.

Quando l’ambasciata svizzera a Pechino ha dichiarato che “Wilson Edwards” non esisteva, Facebook ha scoperto che il suo account sulla piattaforma era stato creato meno di 12 ore prima che iniziasse la pubblicazione.

Le eliminazioni sono l’ultimo di una serie di sforzi delle società di social media americane per respingere le campagne di informazione cinesi. Sebbene bloccati all’interno della Cina, Twitter e Facebook sono diventati importanti vie per plasmare le opinioni globali sulla Cina. Negli ultimi anni, i diplomatici cinesi e i media statali hanno concentrato nuovi sforzi sulla creazione di seguaci sulle piattaforme.

Articolo di Paul Mozur è un corrispondente specializzato in tecnologia e geopolitica in Asia. Ha fatto parte di una squadra che ha vinto il Premio Pulitzer 2021 nel servizio pubblico per la copertura della pandemia di coronavirus.@paulmozur

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: The New York Times,o2/12/2021

Articolo in inglese, The New York Times:

Twitter and Facebook hit back at Chinese propaganda campaigns.

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.