Tre tibetani incarcerati per aver composto e cantato una canzone che loda il Dalai Lama

Due tibetani sono stati incarcerati nel Tibet orientale dopo aver composto e cantato una canzone per lodare il Dalai Lama e un’altra persona è stata arrestata per aver pubblicato la canzone sui suoi social media. Il paroliere tibetano Khado Tsetan e il cantante Tsegao sono stati arrestati all’inizio di luglio nel villaggio di Gonshu Hongor nella contea di Zeku. Anche una ragazza della stessa regione è stata arrestata per aver condiviso la canzone.

 Il paroliere tibetano Khado Tsetan in una foto non datata (Tibet Watch)

La coppia di cantanti e compositori è stata accusata di presunta sovversione della legge statale e crimini di sicurezza dello stato. Tibet Watch ha confermato che il paroliere tibetano Khado è stato condannato a 7 anni di carcere e Tsegao a 3 anni.

Secondo le TIC, la pena detentiva di sette anni di Khadro è stata una condanna cumulativa per sovversione per la quale la corte ha decretato una pena detentiva di cinque anni e altri due anni per aver svelato segreti di stato.

Khado Tsering era stato precedentemente detenuto e imprigionato per due anni alla fine del 2012. È stato arrestato a causa del suo coinvolgimento nelle proteste studentesche tibetane nel 2010 per i diritti linguistici tibetani nel Rebgong. È stato costantemente sottoposto a sorveglianza e monitorato dalle autorità cinesi per quattro anni. A Khado fu anche impedito di continuare i suoi studi.

Le autorità cinesi stanno conducendo una campagna di repressione nei confronti dell’identità dei tibetani tramite il tentativo di distruggere la loro lingua e cultura. Il rispetto per il leader tibetano in esilio è visto come un reato sebbene perseguitato con accuse generali come “l’incitamento al separatismo”

Due tibetani sono stati incarcerati nel Tibet orientale dopo aver composto e cantato una canzone per lodare il Dalai Lama e un’altra per aver pubblicato la canzone sui suoi social media. Il paroliere tibetano Khado Tsetan e il cantante Tsegao sono stati arrestati all’inizio di luglio nel villaggio di Gonshu Hongor nella contea di Zeku. Anche una ragazza identificata della stessa regione è stata arrestata per aver condiviso la canzone, hanno detto fonti.

Si crede che Khado e Tsego abbiano tra la metà e la fine degli anni venti. La coppia di cantanti e compositori è stata accusata di presunta sovversione della legge statale e crimini di sicurezza dello stato. Tibet Watch ha confermato che il paroliere tibetano Khado è stato condannato per 7 anni di carcere e Tsegao per 3 anni.

Secondo le TIC, la pena detentiva di sette anni di Khadro è stata una condanna cumulativa per sovversione per la quale la corte ha decretato una pena detentiva di cinque anni e altri due anni per aver svelato segreti di stato.

Khado Tsering era stato precedentemente detenuto e imprigionato per due anni alla fine del 2012. È stato arrestato a causa del suo coinvolgimento nelle proteste studentesche tibetane nel 2010 per i diritti linguistici tibetani nel Rebgong. È stato costantemente sottoposto a sorveglianza e monitorato dalle autorità cinesi per quattro anni. A Khado fu anche impedito di continuare i suoi studi.

Le autorità cinesi hanno represso i tibetani affermando l’identità nativa nella forma della loro lingua e cultura. Il rispetto per il leader tibetano in esilio è visto come un reato sebbene perseguitato con accuse generali come “l’incitamento al separatismo”.

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

da Fonte: Phayul,17/07/2020

Versione inglese:

Three Tibetans imprisoned for song praising the Dalai Lama

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.