Traffico di organi in Cina nell’occhio del Senato

Vincenzo Cassano , Epoch Times | 4/03/2015

«Io, in questo caso parlo di cannibalismo». Ha definito così il traffico di organi il senatore Maurizio Romani, primo firmatario del ddl che impone pene e sanzioni ai responsabili, discusso nella mattina del 4 marzo al Senato dopo un lungo rinvio dovuto ai vari eventi politici.

Nella foto il senatore Maurizio Romani in una foto d’archivio. Il 4 marzo si è discusso al Senato del ddl che impone pene e sanzioni ai responsabili di traffico di organi illegale (Agenparl)

Il mercato nero degli organi ha un giro d’affari che va dai 600 milioni al miliardo e 200 milioni di dollari l’anno. I principali esportatori sono India e Pakistan.

Ma c’è un Paese, la cui pratica spicca per brutalità e organizzazione. È la Cina.

«La Cina è la prima al mondo dopo gli Usa per volume di organi trapiantati», spiega Romani. Eppure «la legge cinese non permette di prendere organi da vittime di incidente in morte cerebrale» e «non esiste un sistema nazionale di donazione».

Allora qual è la fonte di questi 10 mila organi l’anno?

«La risposta è drammatica». In Cina, spiega Romani, i prigionieri di coscienza «e in particolare i praticanti della disciplina spirituale ‘Falun Gong‘» vengono uccisi per i loro organi. La questione è già stata oggetto di una risoluzione dell’Onu, del Parlamento europeo e del Senato italiano.

«In Italia non abbiamo il potere di fermare questi abusi», ha detto Romani, «ma il dovere di fare ogni sforzo possibile per non esserne complici».

Il ddl prevede delle pene da 3 a 12 anni di reclusione e sanzioni economiche che vanno da 50 mila a 300 mila euro per chiunque commercia, vende, procura organi da persone viventi.

Nella discussione si sono espressi i vari partiti, sia di maggioranza che di opposizione. Riguardo alla questione cinese, la senatrice Ivana Simeoni(gruppo misto) ha detto che ci sono «documenti che tolgono ogni dubbio» sulla veridicità del fenomeno e che «il solo pensare a questa mercificazione del corpo umano fa rabbrividire». La Simeoni ha citato il sindaco di Roma Ignazio Marino, che ha proposto il carcere anche per i clienti del traffico.

Il senatore Lo Giudice, del Pd, ha invece raccontato dettagli sulla persecuzione del Falun Gong, al centro del problema degli organi cinese. Membro della Commissione diritti umani, nel dicembre 2013 ha assistito a un’audizione dei membri dell’Associazione italiana Falun Dafa e dell’avvocato canadese David Matas, il quale ha spiegato la relazione tra la persecuzione del Falun Gong e il prelievo forzato di organi per mano dello Stato cinese. La persecuzione, ricorda Lo Giudice, è cominciata nell’anno 1999 sotto l’allora leader cinese Jiang Zemin e a partire dal 2006 David Matas e altri investigatori indipendenti hanno scoperto che i praticanti del Falun Gong venivano utilizzati sistematicamente come fonti viventi di organi.

Il senatore Scillipoti (Forza Italia) ha inoltre evidenziato che, secondo alcune inchieste giornalistiche, l’Isis potrebbe sfruttare il traffico di organi come una delle fonti di finanziamento alle sue attività terroristiche.,

Fonte,Epoch Times-http://epochtimes.it/n2/news/senato-pene-e-sanzioni-puniscono-il-cannibalismo-del-traffico-di-organi-491.html

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.