Tortura cinese di donne e monache tibetane all’interno del Tibet – Parte II

Il caso di “Larung Gar” e “Yachen Gar”. Serta Larung Gar e Yachen Gar sono due delle più importanti accademie buddiste situate nella provincia del Tibet di Kham, che hanno guadagnato importanza sotto le grandi visioni dei loro fondatori.

I fondatori di queste istituzioni, Khenpo Jigme Phunstok e Achuk Rinpoche, sono importanti maestri buddisti tibetani.

L’istituzione di queste due istituzioni è considerata un punto di riferimento per la rinascita del buddismo tibetano dopo i massicci danni causati durante la Rivoluzione Culturale.

Con l’istituzione di queste due istituzioni, un numero crescente di suore provenienti da diverse parti del Tibet viene a proseguire e portare avanti i propri studi religiosi.

Un cambiamento monumentale in queste istituzioni è l’inizio del conferimento di una laurea Khenmo (laurea equivalente al dottorato di ricerca) alle suore tibetane negli anni ’90, immaginata e implementata dai maestri tibetani fondatori.

Pertanto, queste due istituzioni religiose non sono solo uno spazio cruciale per proseguire gli studi religiosi tibetani in generale, ma sono anche un importante spazio intersezionale di emancipazione femminile e di elevazione religiosa per le suore tibetane.

Poiché una laurea Khenmo è una grande impresa nella storia della comunità buddista tibetana, e grazie alla grande reputazione delle istituzioni, molte suore provenienti da varie parti del Tibet si sono unite alle istituzioni.

Tuttavia, l’intensa intrusione dello Stato nel loro spazio ha causato grande angoscia alle suore, in termini di come mantengono e praticano i loro voti religiosi e progrediscono negli studi.

Inoltre, ci sono state ondate di sfratti e la demolizione degli alloggi delle suore a Larung Gar e Yachen Gar da parte dell’amministrazione Xi Jinping.

Le suore sfrattate sono state trattenute dallo Stato e non hanno avuto il permesso di tornare alla loro accademia per studiare.

Secondo il rapporto annuale del Centro tibetano per i diritti umani e la democrazia (TCHRD), le suore sfrattate di Yachen Gar e Larung Gar sono state sottoposte a una “rieducazione” politica da parte dello Stato.

Le suore a cui è stato permesso di restare sono state costrette a frequentare l ‘ “istruzione legale” a Larung Gar.

La demolizione di Larung Gar è iniziata dopo che alcune decisioni sono state prese dalle autorità statali durante la sesta conferenza del forum di lavoro e la seconda conferenza nazionale sul lavoro nel 2016.

Nel 2019, le suore Yachen Gar hanno incontrato ancora una volta lo stesso destino: demolizioni e sfratti.

La maggior parte dei monasteri e delle istituzioni tibetane stanno diventando centri di manipolazione dello Stato cinese – per realizzare il “sogno nazionale cinese”.

La cancellazione da parte della Cina dell’identità delle monache tibetane detenendole, sfrattandole e sottoponendole a “programmi di rieducazione” – trasformando le località buddiste tibetane in spazi di dominazione cinese – è un passo verso il depotenziamento di queste suore.

È l’equivalente di privare le suore tibetane delle loro radici culturali e religiose per le quali l’etica e i valori buddisti sono stati una fonte di potenziamento per molti secoli. Tuttavia, rimane difficile per i tibetani in generale resistere in qualsiasi forma senza il rischio di essere etichettati come “separatisti” dallo Stato comunista cinese.

Donna tibetana torturata a morte per aver inviato denaro all’estero.

Una donna tibetana e una madre di tre figli di nome Lhamo della contea tibetana di Driru a Nagchu, sono morte per le torture della polizia nell’agosto dello scorso anno.

Lhamo, una pastora di Nagchu di 36 anni, nella “regione autonoma del Tibet”, è morta poco dopo essere stata mandata in un ospedale locale direttamente dalla custodia della polizia.

A giugno sarebbe stata arrestata dalle autorità cinesi per “aver inviato denaro a familiari o altri tibetani in India”, una pratica comune tra i tibetani in Tibet.

Dopo l’arresto di Lhamo, la polizia locale ha perquisito la sua casa, sequestrando foto, insegnamenti religiosi, libri e DVD di Sua Santità il Dalai Lama.

Dopo circa due mesi dall’arresto di Lhamo, ad agosto i suoi familiari sono stati convocati dalle autorità in un ospedale della polizia.

Lhamo era ferita così gravemente che era irriconoscibile ai membri della sua famiglia e non poteva parlare con loro.

Due giorni dopo, è morta in ospedale.

I suoi familiari hanno implorato le autorità di consentire loro di eseguire rituali tradizionali per Lhamo, ma le autorità hanno costretto i membri della famiglia a cremare immediatamente il suo corpo.

Il governo cinese considera illegale e sovversivo qualsiasi contatto tra i tibetani in Tibet e i loro parenti e amici all’estero, in particolare l’India.

“Il rapporto sulla morte in custodia di Lhamo, una tibetana madre di tre figli, solo per aver inviato denaro all’estero e aver conservato l’immagine di Sua Santità, ritrae la realtà critica di quanto siano oppressive le politiche cinesi in Tibet.”

Detenuta e intimidita per post illegali su WeChat.

Secondo il rapporto di Radio Free Asia, una donna tibetana è stata arrestata e intimidita per aver postato su WeChat post ritenuti  ” illegali ” dalle autorità cinesi.

Tsering Tso è stata prelevata arbitrariamente dalla sua casa di Xining  il 12 novembre 2020 da ufficiali cinesi locali ed è stata portata al centro di detenzione della contea di Trikha (Ch: Guide).

Successivamente, è stata sottoposta a una detenzione amministrativa di dieci giorni e ha dovuto pagare una multa di 1000 yuan.

Durante la sua detenzione, Tsering Tso è stata sottoposta a maltrattamenti e interrogatori disumani, secondo RFA.

La detenzione di Tsering Tso è stata ingiusta  e anche ora rimane sotto sorveglianza invadente a causa della sua impavida difesa degli ideali in cui crede.

È stata molto attiva e esplicita nell’esporre i funzionari cinesi locali corrotti nella provincia del Qinghai, cosa che l’ha portata anche all’attenzione delle autorità locali.

Secondo quanto riferito, Tsering Tso ha affermato di essere stata sotto costante sorveglianza perché è una studentessa dell ‘”International Visitor Leadership Program” (IVLP), un importante programma di scambio professionale avviato dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

Da quando è tornata da un breve soggiorno negli Stati Uniti, il suo nome è stato inserito nella lista nera. Ha ricevuto frequenti convocazioni, avvertimenti e minacce dalla polizia locale.

Tsering Tso è stata accusata di aver causato “altri atti provocatori” come elencato nell’articolo 26 della legge sulle punizioni per l’amministrazione dell’ordine pubblico (POAPL).

L’articolo 26 della POAPL afferma:

“ Una persona che commette uno dei seguenti atti deve essere detenuta per non meno di 5 giorni ma non più di 10 giorni e può, inoltre, essere multata non più di 500 yuan; e se le circostanze sono relativamente gravi, sarà detenuto per non meno di 10 giorni ma non più di 15 giorni e potrà, inoltre, essere multato non più di 1.000 yuan:

(1) combattimenti tra bande;

(2) inseguire o intercettare un’altra persona;

(3) prendere con la forza e sequestrare ostinatamente, o danneggiare intenzionalmente e occupare proprietà pubbliche o private; o

(4) altri atti provocatori “.

Tsering Tso ha completato la condanna a dieci giorni sotto la custodia della contea di Trikha PSB e ha pagato la multa di 1000 yuan, ma non le è mai stato spiegato cosa costituisse precisamente questioni “legate alla stabilità” nei suoi post su WeChat.

Secondo i rapporti, Tsering Tso è stata detenuta nella stanza degli interrogatori del PSB della Prefettura di Yushu nel 2017, dopo aver sostenuto i diritti dei tibetani locali di richiedere passaporti in conformità con la legge a Yushu nella Prefettura autonoma tibetana.

È stata brutalmente picchiata da un ufficiale di nome Jamga della Divisione per l’amministrazione dell’immigrazione di Yushu PSB.

La politica di mantenimento della stabilità della Cina volta a rafforzare il sistema monopartitico deve essere esaminata attentamente.

L’importanza fondamentale attribuita alla stabilità del Partito non dovrebbe prevalere e contraddire i valori universali dei diritti umani.

La detenzione e la tortura si sono radicate in Tibet come parte del prezzo che gli attivisti politici tibetani devono pagare per la loro stessa esistenza.

Come la Cina reprime le monache buddiste tibetane, cancellando l’identità:

Sotto Xi Jinping, lo Stato cinese sta sistematicamente sopprimendo le voci delle suore buddiste tibetane e “sinicizzando”

Con il crescente indottrinamento e sorveglianza dei buddisti tibetani, le praticanti / suore hanno sofferto a causa dell’agenda di “sinicizzazione” dello Stato cinese. Le voci delle praticanti donne tibetane vengono sempre più represse dal discorso coloniale cinese sull’emancipazione delle donne tibetane.

 

Ragazze tibetane con la loro famiglia

In contrasto con la proiezione propagandistica e distorta – da parte dei media statali – delle donne tibetane come emancipate “e” sollevate “sotto il dominio comunista in Cina, la questione più ampia delle sfide delle praticanti religiose tibetane sotto la” sinicizzazione “del presidente Xi Jinping deve essere approfondito e chiarito.

La politica stabilita dallo Stato su come dovrebbe funzionare la religione ostacola il modo in cui le suore tibetane praticano e sostengono la loro etica e i loro valori religiosi.

Una delle politiche recentemente introdotte in Tibet è chiamata “Quattro standard “, la cui attuazione è stata effettuata nel monastero di Shugsep in Tibet nell’ottobre 2019.

I “Quattro Standard” prevedono che i monaci e le monache siano entità politicamente affidabili nel mantenimento della “stabilità nazionale”. Più recentemente, lo stato ha implementato la politica religiosa conferendo premi a monaci e monache che sono considerati “monaci e monache modello”.

Quindi, mostra che esiste un discorso coloniale e approvato dallo stato di donne tibetane “autorizzate” mentre, al contrario, la politica religiosa dello stato e la crescente infiltrazione negli spazi monastici tibetani hanno completamente negato l’identità buddista tibetana delle suore.

È evidente che la RPC ha commesso e continua a commettere numerose atrocità contro le donne tibetane. La ratifica dei documenti nazionali e internazionali da parte della RPC serve solo come legislazione inattiva.

La protezione presumibilmente fornita dalla Repubblica popolare cinese è inefficace poiché lo status delle donne tibetane ha visto pochi miglioramenti negli ultimi dieci anni.

A rischio di violenza, maltrattamenti e degrado, le donne tibetane hanno guidato le proteste contro l’occupazione del Paese da parte della Repubblica Popolare Cinese e continuano ad essere leader nella lotta per l’indipendenza tibetana.

È tempo che la comunità internazionale delle donne sostenga attivamente le donne tibetane esortando tutti gli organismi locali, regionali, nazionali e internazionali appropriati ad affrontare la questione della violenza contro le donne tibetane.

In considerazione di quanto sopra, le richieste delle donne tibetane sono:

1– Che la RPC e i suoi agenti cessino immediatamente tutti gli atti di violenza contro le donne tibetane, inclusi atti di percosse, stupri, torture, procedure mediche forzate o coercitive, detenzioni illegali e altri atti di violenza perpetrati dal governo o sanzionati dal governo contro le donne tibetane.

2– Che il Relatore speciale sulla violenza contro le donne sia incaricato dalla Quarta Conferenza mondiale sulle donne di guidare una delegazione di accertamento dei fatti in Tibet e di indagare sulle denunce di violenza contro le donne tibetane, comprese le denunce di percosse, stupri, torture, procedure mediche forzate o coercitive , detenzioni illegali e altri atti di violenza perpetrati dal governo o sanzionati dal governo contro le donne tibetane.

3– Che i media internazionali, le organizzazioni governative, intergovernative e non governative, ai sensi dell’articolo 19 della Dichiarazione universale dei diritti umani, abbiano accesso al Tibet, per riferire sulla violenza contro le donne tibetane e sulla condizione delle donne in Tibet.

4– Che al Relatore speciale sulla violenza contro le donne e ad altri osservatori internazionali venga fornito l’accesso al Tibet per monitorare la conformità della RPC in Tibet con la Convenzione delle Nazioni Unite sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio, la Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura e altri crudeli, inumani o Trattamenti o pene degradanti e Convenzione delle Nazioni Unite sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne.

5– Che i governi adottino misure per emanare una Convenzione delle Nazioni Unite sull’eliminazione della violenza contro le donne, che incorpori i principi stabiliti nella Dichiarazione delle Nazioni Unite sull’eliminazione della violenza contro le donne.

Riconoscendo che le donne in tutto il mondo sopportano una quota sproporzionata delle conseguenze dei conflitti armati e di altri conflitti internazionali, e che la violenza contro le donne tibetane è il risultato della continua occupazione del Tibet da parte della RPC, raccomandiamo inoltre che la RPC ritiri immediatamente le sue truppe e il personale di supporto dal Tibetano e che la RPC sospenda il trasferimento di popolazione cinese in Tibet.

Incarcerare e torturare a morte i tibetani per aver inviato denaro ai loro familiari è completamente contro la legge, cinese o internazionale. La Cina deve porre fine ai continui maltrattamenti e abusi sui tibetani in Tibet e rispettare i diritti umani in Tibet “.

Durante i suoi giorni di scuola a Panchamari, ha rappresentato Panchamari alla prima Conferenza del Tibetan Youth Congress. Ha ricoperto le cariche di dirigente e consigliere degli RTYC a Dalhousie, Paonta Sahib, Orissa e Kalimpong. Ha insegnato al CST Dalhousie, Paonta Sahib, Orissa, Bhandhara e ora a Kalimpong.

Informazioni sull’autore – Tsewang Paljor ha frequentato la scuola di Panchamari e la sua formazione per insegnanti e laurea presso l’Università del Punjab, Chandigarh.

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte; The Taiwan Times,08/02/2021

Versione inglese:

Chinese Torture Of Tibetan Women & Nuns Inside Tibet – Pt.II

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.