Tor Vergata, 15 marzo: “Popoli identitari”

Ieri alla facoltà di giurisprudenza di Tor Vergata, alla presenza di 250 studenti, si è tenuta la conferenza “Popoli identitari”. Sono intervenuti la professoressa Ciciriello, il responsabile nazionale di “Students for a free Tibet”, il dottor Roberto Magi della Comunità Solidarista Popoli Onlus, Dechen Dolkar, Presidentessa Donne Tibetane in Italia e la professoressa Maria Vittoria Cattania della Laogai Research Foundation.

Il convegno, organizzato da rappresentanti degli studenti, era incentrato sulla condizione delle popolazioni Karen e tibetana, oppresse rispettivamente dal popolo birmano e cinese. Dopo una breve introduzione del responsabile nazionale di “Students for a free Tibet”, è intervenuta la professoressa Maria Clelia Ciciriello per la Cattedra di Diritto Internazionale, la quale si è dilungata sul principio di autodeterminazione dei popoli (o autodecisione, come è scritto nella Carta dei popoli) e sull’integrità territoriale. Il dottor Roberto Magi dell’ospedale Sant’Eugenio ha spiegato l’importanza dell’autocoscienza del proprio popolo e l’affermazione della propria identità. Ha preso poi la parola Maria Vittoria Cattania, la quale si è soffermata sui rapporti tra Cina e Tibet, sulle condizioni disumane di chi è costretto a lavorare nei laogai, sulla persecuzione religiosa dei tibetani buddhisti, sulle esecuzioni capitali, le rivolte popolari, il commercio di organi, gli aborti forzati e la politica del figlio unico. Purtroppo il discorso è stato interrotto da alcuni rappresentanti del collettivo “Lavori in corso” che hanno cercato d’introdursi nell’aula con la forza, ma sono stati  prontamente fermati dai ragazzi della sicurezza. Ha concluso il convegno una commossa e commovente Dechen Dolkar sul rapimento del Panchen Lama, portato via dal governo cinese a soli 6 anni, e sulla continua violazione dei diritti in Tibet. Nonostante la piccola interruzione il convegno è stato un vero successo perchè come ha affermato Noah Mancini, responsabile del Blocco Studentesco, “essere riusciti a portare l’attenzione di tanti universitari su una tematica così delicata ed importante come quella dell’autodeterminazione dei popoli restituisce all’istituzione universitaria quella che dovrebbe essere la sua dimensione naturale come centro di fermento e dibattito culturale”.

Erika Eramo, 16 marzo 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.