Timori sulla sorte di Chen Guangcheng, l’attivista cieco contro gli aborti forzati

Voci ancora non verificate nello Shandong affermano che l’attivista cieco Chen Guangcheng potrebbe essere morto. I timori sono accresciuti dal fatto che alcuni giorni fa, alcuni attivisti suoi amici che volevano incontrarlo, sono stati arrestati e isolati. Secondo alcune notizie provenienti da Canyu, le autorità avrebbero sparato contro gli attivisti. Chen Guangcheng sta portando avanti da anni una campagna contro aborti e sterilizzazioni forzati nello Shandong. Dopo la denuncia di 130mila casi di operazioni forzate ad opera delle autorità per il family planning della provincia, Che è stato condannato a quattro anni e tre mesi. Rilasciato a settembre dello scorso anno, da allora le autorità lo hanno costretto all’isolamento totale, insieme alla moglie e alla sua bambina di sei anni, impossibilitata ad andare a scuola. L’altro figlio, di otto anni, vive con i nonni.
Lo scorso febbraio, Chen è riuscito a inviare all’estero un video in cui egli denuncia di essere ancora in stato di arresto, pur avendo scontato la sua pena di quattro anni. Né lui, né sua moglie possono uscire di casa, il loro telefono è tagliato, i loro amici allontanati. Per questo la polizia ha provveduto a picchiare lui e sua moglie minacciandoli. Come gli attivisti di alcuni giorni fa, alche giornalisti stranieri che hanno tentato di avvicinarsi alla sua casa, sono stati picchiati e il loro materiale è stato sequestrato. Alcuni attivisti amici hanno dichiarato al South China Morning Post che le autorità dello Shandong hanno terminato a luglio una casa nel villaggio di Dongshigu (Linyi), dove pensano di rinchiudere Chen e sua moglie. La casa è isolata e circondata da un alto muro e sarà controllata giorno e notte dalla pubblica sicurezza. Anche ai parenti è proibito andare a visitare Chen. Preoccupati della sua salute e della sua vita, l’ong Womens’rights without frontiers (Wrwf) ha lanciato una campagna per chiedere notizie sulla sorte di Chen, con una raccolta di firme (vedi qui). “Siamo allarmati alla notizia riportata dagli abitanti del villaggio, secondo i quali Chen sarebbe già morto”, ha detto la presidente di Wrwf, Reggie Littlejohn. “Se Chen è morto – ha aggiunto – allora il Partito comunista cinese è responsabile in toto per averlo ucciso sotto tortura, avergli negato cure mediche, averlo fatto morire di fame. Se Chen è vivo, noi chiediamo con urgenza che lui e la sua famiglia siano rilasciati in modo immediato e senza condizioni per farlo visitare da un medico e farlo curare”.

Fonte: Asia News, 9 ottobre 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.