Tibetano arrestato dopo tre anni per collegamenti ad una auto-immolazione

Un uomo tibetano accusato di essere collegato ad una auto-immolazione, avvenuta nel 2013, è stato arrestato il 29 settembre nella provincia di Gansu. Kyab e altri tre sono stati accusati di aver trasferito i resti dell’ auto-immolatozione alla sua famiglia; causando ostruzione ai funzionari per la confisca del corpo.

I tre, Dorjee Namgyal, Jinpa e Dorjee Tashi, erano stati arrestati e condannati da i due anni e mezzo ai tre anni e mezzo per il loro coinvolgimento. Tuttavia Kyab riuscì a fuggire e da allora è stato nascosto fino al suo arresto nel mese scorso.

Secondo Radio Free Asia, Kyab tornò dopo aver visto che gli altri erano stati rilasciati e pensando che la situazione si era ormai placata.

La moglie di Kyab non lo vede dal suo arresto. “Non sono disponibili informazioni sul suo stato attuale di salute o se è stato torturato in prigione”, ha aggiunto una fonte.

Le autorità hanno contattato la famiglia il 6 ottobre informando che solo il cibo del ristorante e la carne senza ossa erano autorizzati per essere consegnati durante le visite in carcere. Tuttavia quando la moglie di Kyab ci andò il cibo venne rifiutato all’ingresso e consegnato a loro stessi.

Traduzione a cura della Laogai Reseach Foundation OLNUS


Fonte: Phayul, 15 sett 16

English articleTibetan arrested for links to self immolation after three years

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.