Tibetani e Uighuri ricordano le repressioni nell’anniversario di Tiananmen

Gruppi di esiliati Tibetani e Uighuri Mercoledì hanno segnato il 25° anniversario della strage del governo cinese nei confronti dei manifestanti per la democrazia in piazza Tiananmen, indicando ciò che loro hanno descritto come l’uso di forza letale di Pechino per reprimere le loro lotte per una maggiore libertà e diritti. Il leader spirituale del Tibet, il Dalai Lama, Mercoledì ha offerto preghiere per i morti nell’assalto del Giugno ’89, affermando che sono morti per la libertà, la democrazia e i diritti umani, valori che richiamavano la fondazione di una “società libera e dinamica“.

“Essi sono anche la fonte della vera pace e della stabilità”, ha detto il Dalai Lama, fuggito in esilio in India nel 1959 dopo una rivolta nazionale abortiva in Tibet contro il dominio cinese.

“Mentre sono stati compiuti grandi progressi per integrare la Cina nell’economia mondiale, credo che sia altrettanto importante incoraggiare la Cina a entrare nel mainstream della democrazia globale”, ha detto il Dalai Lama in un comunicato.

“Questo aiuterà la Cina a conquistare la fiducia e il rispetto del resto del mondo, consentendo alla Cina di compiere il suo potenziale a giocare un ruolo di primo piano negli affari globali”.

La dichiarazione del Dalai Lama è avvenuta in vista della campagna che sarà lanciata il Giovedì dall’Amministrazione Centrale Tibetana (CTA), a Dharamsala del Tibet, sede del governo tibetano esilio, nella nuova spinta per il suo approccio  della “Via di Mezzo” per una maggiore autonomia per i tibetani all’interno Cina.

Pechino ha governato il Tibet con il pugno di ferro dal 1951, un anno dopo aver invaso la regione himalayana. Ha inoltre rafforzato i controlli per i disordini diffusi tra le regioni tibetane da Lhasa nel Marzo 2008.

Il CTA dice che circa 220 tibetani sono morti e quasi 7.000 sono stati arrestati nella successiva repressione in tutta la regione. Il governo cinese dice che la rivolta ha ucciso 22 persone.

Un totale di 131 tibetani si sono immolati ad oggi nelle proteste auto-immolazione che chiedevano la libertà del Tibet, con altri sei dandosi fuoco in India e Nepal.

Vite ancora a rischio

Venticinque anni dopo il massacro di Tiananmen, un numero crescente di attivisti cinesi, studiosi, giornalisti e artisti rischiano ancora la vita “per la democrazia costituzionale e diritti umani” in Cina, afferma il Centro tibetano con sede a Dharamsala per i Diritti Umani e la Democrazia (Tchrd ), in un comunicato.

“[Questi rappresentano] la speranza e le aspirazioni di molti tra i tibetani per una Cina più umana e democratica”, ha detto TCHRD direttore esecutivo Tsering Tsomo.

“Il regime a partito unico può continuare a mantenere il potere oggi in Cina, che governa il paese con la forza pura e la menzogna, sostenendo che senza la sua leadership cinese sarà immerso nel caos e nell’anarchia”, ha detto Tsomo.

“La verità della questione è che gli omicidi a Tiananmen continueranno a mettere in discussione e contaminare la legittimità della leadership attuale e storica della [Repubblica Popolare Cinese].”

L’uso da parte del governo del Partito Comunista Cinese della forza letale per sopprimere le sfide alla suo comando non è “una cosa del passato”, tuttavia, continua ancora oggi in Tibet e nelle zone a popolazione tibetana delle province cinesi occidentali, ha detto Eleanor Byrne Rosengren, direttore del gruppo Free Tibet con sede a Londra.

“Tibetani vennero fucilati ed uccisi nel 2008 e nel 2012 e manifestanti disarmati sono stati colpiti con proiettili veri per due volte nel corso dell’ultimo anno, con alcune lesioni pericolose per il sostentamento della vita”, ha detto Rosengren, aggiungendo: “Almeno due prigionieri tibetani sono stati uccisi in carcere entro l’ultimo anno, e le notizie di torture sono ancora diffuse”.

“Mentre la Cina tenta di mettere a tacere ogni discussione degli eventi del 1989 nella Cina di oggi, il tipo di censura è una realtà quotidiana in Tibet, con l’uso di minacce e violenza”.

Durante un evento a Londra Mercoledì organizzato da Amnesty International UK e frequentato da gruppi di sostegno del Tibet, funzionari dell’ambasciata cinese hanno bloccato con rabbia un tentativo di deporre fiori sui gradini dell’ambasciata per celebrare l’anniversario del massacro del 1989.

Quelli che stavano mettendo i fiori sui gradini “sono stati spinti fuori dall’ambasciata e i fiori gettati di nuovo alla folla che guardava”, ha detto la Free Tibet.

Repressioni in Xinjiang

Nel frattempo, nella regione nord-occidentale cinese di Xinjiang, le autorità cinesi hanno intensificato la repressione contro gli uiguri che dicono sono collegati a una serie di episodi di violenza nella regione travagliata, tra cui un attentato il 22 maggio in un affollato mercato nella capitale Urumqi che ha ucciso 39 persone e ha lasciato feriti.

Le forze di sicurezza cinesi hanno ucciso o arrestato centinaia di uiguri di etnia prevalentemente mussulmana seguendo le mortali rivolte etiche del 2009 con i cinesi Han nella capitale Urumqi che hanno lasciato circa 200 morti e ha scatenato un giro di vite.

Gruppi per i diritti uiguri, che accusano le autorità cinesi di frenare le pratiche islamiche, la cultura e la lingua del gruppo di minoranza, dicono che uiguri in tutta la Cina hanno sostenuto i manifestanti di Tiananmen nella loro lotta per i diritti e per le libertà fondamentali.

“Ancora stiamo con loro e chiediamo ora, visto come il governo cinese conduce una repressione brutale sugli Uiguri nel Turkestan orientale, che il popolo cinese stia con gli uiguri per battere la tirannia”, ha detto il presidente degli uiguri dell’Associazione americana Alim Seytoff, con sede a Washington, in una dichiarazione, utilizzando un nome preferito da molti uiguri per la loro antica madre patria.

I dati ufficiali indicano che circa 100 persone, per lo più uiguri, siano stati uccisi in attentati nello Xinjiang nel corso dell’ultimo anno.

Dilxat Raxit, portavoce con sede in Germania per la (WUC) gruppo esilio Mondiale Uyghur Congress, ha detto la polizia in Xinjiang ha preso di mira gli uiguri in base alla loro origine etnica, sulla scia dell’attacco 22 maggio, con violenza letale per colpire la regione dei disordini etnici del luglio 2009.

I recenti attacchi terroristici di alto profilo da parte uiguri e le continue proteste di auto-immolazione di tibetani “mostrano che gli angoli dell’impero sono irrequieti”, ha detto l’ex leader della protesta di Tiananmen ed etnia uigura Wu’er Kaixi, che è fuggito dopo le proteste in Francia tramite Hong Kong e successivamente si trasferì a Taiwan.

“L’ideologia della leadership cinese sta cadendo a brandelli, come lo era 25 anni fa”, ha detto Kaixi, scrivendo in un articolo questa settimana sul Wall Street Journal. “Le richieste delle persone stanno tornando.”

“Il modo migliore per riassumere l’eredità di Tiananmen non è dimenticandola a forza, è la memoria risorgente,” ha detto.

Fonte: Radio Free Asia, 10/06/2014, Tibetans, Uyghurs Remember Own Crackdowns on Tiananmen Anniversary

ENGLISH VERSION:

Exile Tibetan and Uyghur groups on Wednesday marked the 25th anniversary of the Chinese government’s massacre of pro-democracy demonstrators at Tiananmen Square by pointing to what they described as Beijing’s use of deadly force to suppress their own struggles for greater freedom and rights.

Tibet’s spiritual leader the Dalai Lama offered prayers Wednesday for those killed in the June 1989 assault, saying they died for freedom, democracy, and human rights—values he called the foundation of a “free and dynamic society.”

“They are also the source of true peace and stability,” said the Dalai Lama, who fled into exile in India in 1959 after an abortive national uprising in Tibet against Chinese rule.

“While great progress has been made to integrate China into the world economy, I believe it is equally important to encourage China to enter the mainstream of global democracy,” the Dalai Lama said in a statement.

“This will help China to gain the trust and respect of the rest of the world, enabling China to fulfill its potential in playing a leading role in global affairs.”

The Dalai Lama’s statement came ahead of a campaign to be launched on Thursday by the Central Tibetan Administration (CTA), Tibet’s Dharamsala, India-based government in exile, in a new push for its “Middle Way” approach for greater autonomy for Tibetans within China.

Beijing has ruled Tibet with an iron fist since 1951, a year after invading the Himalayan region. It further tightened controls since unrest spread across Tibetan regions from Lhasa in March 2008.

The CTA says about 220 Tibetans died and nearly 7,000 were detained in the subsequent region-wide crackdown. The Chinese government says rioting killed 22 people.

A total of 131 Tibetans have also set themselves ablaze to date in self-immolation protests calling for Tibetan freedom, with another six setting fire to themselves in India and Nepal.

Lives still at risk

Twenty-five years after the Tiananmen massacre, a growing number of Chinese activists, scholars, journalists, and artists still risk their lives “for constitutional democracy and human rights” in China, the Dharamsala-based Tibetan Centre for Human Rights and Democracy (TCHRD) said in a statement.

“[These represent] the hope and aspirations of many including Tibetans for a more humane and democratic China,” said TCHRD executive director Tsering Tsomo.

“The one-party regime may continue to hold onto power today in China, ruling the country by sheer force and falsehood, claiming that without its leadership China will be plunged into chaos and anarchy,” Tsomo said.

“The truth of the matter is the killings at Tiananmen will continue to question and taint the legitimacy of the current and past leadership of the [People’s Republic of China].”

The ruling Chinese Communist Party’s use of lethal force to suppress challenges to its rule is not “a thing of the past,” though, and continues today in Tibet and in Tibetan-populated areas of western Chinese provinces, said Eleanor Byrne Rosengren, director of the London-based Free Tibet advocacy group.

“Tibetans were shot and killed in 2008 and 2012 and unarmed protesters have been shot with live ammunition twice within the last year, some sustaining life-threatening injuries,” Rosengren said, adding, “At least two Tibetan prisoners have been killed in jail within the last year, and reports of torture remain widespread.”

“While China attempts to silence any discussion of events in 1989 in China today, that kind of censorship is a daily reality in Tibet, as is the use of threats and violence.”

During an event in London Wednesday organized by Amnesty International UK and attended by Tibet support groups, Chinese embassy officials angrily blocked an attempt to lay flowers on the embassy’s steps to mark the anniversary of the 1989 massacre.

Those placing the flowers on the steps “were shoved off the steps of the embassy and the flowers thrown back at the watching crowd,” Free Tibet said.

Crackdown in Xinjiang

Meanwhile, in China’s northwestern region of Xinjiang, Chinese authorities have been stepping up crackdowns against Uyghurs they say are linked to a series of violent incidents in the troubled region, including a May 22 bomb attack at a crowded market in the capital Urumqi that killed 39 and left scores injured.

Chinese security forces have killed or detained hundreds of mostly Muslim ethnic Uyghurs following deadly 2009 ethnic riots with Han Chinese in the capital Urumqi that left around 200 people dead and sparked the crackdowns.

Uyghur rights groups, which accuse the Chinese authorities of curbing Islamic practices and the culture and language of the minority group, say Uyghurs across China had supported the 1989 Tiananmen protestors in their struggle for fundamental rights and freedoms.

“We still stand with them and ask now, as the Chinese government conducts a brutal crackdown on Uyghurs in East Turkestan, that the Chinese people stand with Uyghurs to face down tyranny,” Washington-based Uyghur American Association president Alim Seytoff said in a  statement, using a name preferred by many Uyghurs for their ancient homeland.

Official figures show that about 100 people, mostly Uyghurs, are believed to have been killed in attacks in Xinjiang over the last year.

Dilxat Raxit, Germany-based spokesman for the World Uyghur Congress (WUC) exile group, said police in Xinjiang have been targeting Uyghurs based on their ethnicity in the wake of the May 22 attack, the deadliest violence to hit the region since July 2009 ethnic riots.

Recent high-profile terrorist attacks by Uyghurs and continuing self-immolation protests by Tibetans “show that the edges of the empire are restive,” said former Tiananmen protest leader and ethnic Uyghur Wu’er Kaixi, who fled after the protests to France via Hong Kong and later moved to Taiwan.

“The ideology of China’s leadership is falling to tatters, as it was 25 years ago,” Kaixi said, writing in an opinion piece this week in the Wall Street Journal. “The demands of the people are coming back.”

“The best way to sum up the legacy of Tiananmen is not enforced forgetting, it is resurgent memory,” he said.

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.