TIBET-Nagba: donna nomade tibetana muore dopo auto immolazione, 137° caso

Una donna tibetana è morta dopo che si è data fuoco venerdì a Ngaba, in segno di protesta contro la politica cinese in Tibet. Norchuk, 40 anni, nomade tibetana del villaggio Trotsuk, è diventata il 137° tibetano vittima dell’ auto immolazione come forma di protesta contro il dominio cinese dal 2009.

Non è noto se la donna ha sollevato qualche slogan durante la sua protesta. Le autorità cinesi locali immediatamente cremato il corpo.

L’auto immolazione di Norchuk arriva in un momento in cui la Cina ha ulteriormente rafforzato i le misure di sicurezza per contenere qualsiasi espressione di dissenso politico in vista della 56 ° Anniversario dell’insurrezione di Lhasa del 10 Marzo

Fonti rivelano che ingenti forze di sicurezza cinesi presidiano varie contee e aree tibetane abitate.

La stessa fonte riferisce che l’intensificazione delle misure di sicurezza nella regione tibetana era iniziata ancor prima del nuovo anno tibetano, e la celebrazioni sono state funestate dalla paura di qualche repressione, anche durante lo svolgersi delle festività.

Phayul, 08/03/2015

English article, Phayul:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.