- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

Tibet: manifestanti tibetani in difesa dei loro pascoli vengono brutalmente aggrediti da operai cinesi [Video]

L’11 ottobre alcuni operai cinesi, mentre erano in un cantiere aperto per la messa in opera di un impianto di pannelli solari nella provincia del Qinghai, hanno aggredito un gruppo di tibetani che protestavano  contro l’invasione nelle loro aree di pascolo. Uno dei manifestanti che ha tentato di fermare i lavori è stato investito, trascinato per diversi metri ed è stato lasciato a terra ferito.

Al ferito privo di sensi a terra si è avvicinato un dipendente della ditta appaltatrice e lo ha colpito con un calcio in testa. I tibetani che  sono corsi in aiuto sono stati fermati e malmenati dagli operai.

La scena dell’incidente è stata filmata e inviata a Radio Free Asia.

Il fatto è avvenuto  ​​nel villaggio di Choeje nella contea tibetana (Gonghe) della prefettura autonoma tibetana.

La ditta cinese appaltatrice dei lavori ha dovuto trasportare macchinari pesanti e altri veicoli attraverso praterie tibetane per raggiungere il sito, denominato Choeten Thang, e i tibetani locali hanno chiesto un risarcimento e di firmare accordi. Al rifiuto c’è stato uno scontro.

Durante le fasi concitate dello scontro la polizia cinese è intervenuta. Per il momento il progetto di installazione dei pannelli solari è stato temporaneamente sospeso.

Sulle condizioni di salute dei due  tibetani  che sono rimasti  feriti non si sa nulla. La polizia ha preso in custodia diversi lavoratori cinesi.

I progetti di sviluppo nelle aree tibetane stanno causando frequenti tumulti con i tibetani che accusano le imprese cinesi e i funzionari locali di essersi indebitamente appropriati dei loro terreni sconvolgendo la vita della popolazione locale.

Molti vedono tutto ciò come una forma di repressione violenta, di detenzione abusiva di  persone che sono promotori  di proteste e di un’intensa pressione sulla popolazione locale per obbligare a sottostare alle decisioni insindacabili del governo cinese.

Traduzione a cura della Laogai Research Foundation Italia Onlus


Fonte: RFA, 17/10/2018

Versione inglese: Tibetan Land Protesters Attacked, Beaten in Qinghai  [1]