Tibet: le autorità hanno cominciato a demolire un villaggio tibetano

Le autorità della provincia cinese nord-occidentale di Qinghai ha cominciato questa settimana la demolizione di un villaggio tibetano perché alcune case sono state costruite senza un permesso ufficiale. Il raid del villaggio di Benshul Jeyna a Mangra (in cinese, Guinan) della contea Tsolho (Hainan) nella Prefettura Autonoma Tibetana è il secondo ed è stato condotto dal capo della contea Sumdo.

“Ha portato i funzionari degli uffici locali di sicurezza e le forze dell’ordine, insieme con i capi di 16 villaggi della zona, con l’intento di demolire le case tibetane”, ha detto una fonte anonima a Radio Free Asia.

“Hanno detto che le case costruite nel villaggio erano “illegali”, ha detto la fonte, aggiungendo: “l’opera di demolizione è iniziata il 5 maggio e proseguirà per una settimana.”

Il raid su Benshul Jeyna, il più grande dei 16 villaggi nomadi in Mangra sta provocando una perdita significativa per i residenti tibetani della colonia, che avevano speso molti soldi e sforzi per ricostruire le case abbattute in un raid simile l’anno scorso. I residenti, comprese le donne del villaggio, gridano e protestano contro le azioni delle autorità,definendola ingiusta e iniqua; ha aggiunto la fonte.


Fonte: Radio Free Asia, 09/05/15

English article: Tibetan Homes Deemed ‘Illegal’ Are Torn Down in Qinghai

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.