TIBET: La polizia cinese picchia a morte un uomo tibetano

La polizia cinese ha picchiato un uomo tibetano a morte, nella Contea di Khyungchu di Ngaba.Guldrak, di 29 anni.

E’stato arrestato l’8 agosto per presunto coinvolgimento in un furto. Circa 600 tibetani, tra cui i membri della famiglia del defunto si sono riuniti all’esterno della stazione di polizia per una protesta sit-in, chiedendo spiegazioni sulla morte di Guldrak in custodia della polizia .La polizia ha dichiarato agli abitanti del villaggio che Guldrak si suicidò, mostrando loro alcuni elementi che sostengono l’ipotesi del reato di furto dell’uomo .

Tuttavia, i tibetani non credono alla versione della polizia e hanno negato che Guldrak poteva essere l’autore del furto e di essersi suicidato. I funzionari che torturarono il tibetano a morte fanno parte del locale ufficio di pubblica sicurezza.

Dopo ore di discussione, l’autorità ha ammesso che morì per mano della polizia che lo aveva in custodia. E che a causare la morte sono state le percosse e ha accettato di pagare 50.000 Yuan alla famiglia di Guldrak per rituali post e altri 500.000 Yuan per un migliaio di persone,

Dossiertibet, 13 Agosto 2013

English Article:
http://www.dossiertibet.it/news/tibet-chinese-police-beat-tibetan-man-death

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.