TIBET: i monaci buddhisti che affrontano con cuore impavido il PCC

Il Tibet viene occupato dalla Cina nel 1949 e nel 1951 viene incorporato nella Repubblica Popolare Cinese. Il contrasto tra i Monaci e il Pcc ha il suo apice nel 1959 con l’insurrezione di Lhasa e la fuga del Dalai Lama in India, e appare non aver mai fine.

La tensione nel territorio invaso è costantemente doloroso. Le auto immolazioni sono diventate il simbolo di un intero popolo. L’unica possibilità che hanno i tibetani per attirare l’attenzione dei grandi mezzi di comunicazione. Ma la sordità , cecità e il loro mutismo voluto è miserevole,sconvolgente che rende nullo ogni sacrificio.

Dal 2009 il numero di tibetani auto-immolati sono diminuiti; 25 l’anno scorso e 8 quest’anno per un totale di 133, ma la Cina ha aumentato duramente le forme di sicurezza e le misure punitive nella regione tibetana a seguito di una diminuzione del numero di proteste di auto-immolazioni. Lo afferma la Commissione esecutiva del Congresso sulla Cina (CECC), nella sua relazione annuale del 2014.

Togliersi la vita, anche per un buddhista, è un atto sacrilego che testimonia il livello di disperazione dei tibetani e il loro senso di abbandono da parte della comunità internazionale.

La prima auto immolazione si è consumata nel marzo del 2010, nelle vicinanze del monastero di Kirti,nella regione del Sichuan. Alcune settimane dopo l’esercito cinese assedia il monastero di Kirti e 300 Monaci vengono deportati in “Campi di rieducazione” in luoghi segreti.

Le notizie delle tragedie giungono fino a noi dalla comunità degli esuli.

Le rivolte dei Monaci, dei Tibetani si susseguono giornalmente nelle città, nei villaggi sparsi in tutto il Tibet, e le torce umane non si sono mai fermate.

Pechino dimostra di non essere nelle condizioni di far cessare le proteste nonostante i suoi continui inasprimenti delle ostilità.

I media non possono e neanche vogliono raggiungere le zone della rivolta. Le cancellerie delle super potenze mostrano una totale insensibilità nei confronti di questo genocidio culturale .

Le sommosse nella quasi totalità dei casi sono represse nel sangue, con ferocia inaudita e Pechino lo ha fatto con circospezione.

Il Pcc deve rinunciare ad imporsi con l’uso sistematico della forza e della violenza, che sono cose irragionevoli. Questi atteggiamenti sono in opposizione con tutti gli sforzi per istituire un dialogo costruttivo e creano paura.

Ma lo spirito tibetano da questo tipo di abusi , non sarà mai intimorito. E’ un principio ben radicato nel buddhismo. I Monaci buddhisti, i Tibetani stanno portando avanti con cuore impavido, una rivolta non violenta in un clima conciliatorio, e i fatti tristi riportati dalle poche notizie diffuse ne sono una testimonianza.

Perché occorre sostenere questo tipo di cause?

Perché se non agiamo sosteniamo coloro secondo i quali si può raggiungere i propri obiettivi con l’uso della forza , della violenza  e dei soprusi.

Gianni Taeshin Da Valle, Laogai Research Foundation,15/10/2014

Articoli correlati: “Rapporto CECC sottolinea le violazioni della Cina sui diritti dei tibetani”

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.