Tibet: gli studenti non sono autorizzati a partecipare alle attività buddiste

Durante il mese di Saga Dawa, il mese del Buddha, il governo cinese sta tentando in maniera più intensa  di controllare con la sopraffazione le attività religiose tra gli studenti buddisti. Lettere vengono inviate ai genitori, chiedendo loro di firmare un elenco di regole, incluso il divieto di incoraggiare i loro figli a prendere parte alle pratiche di adorazione buddista. Un altro metodo coercitivo applicato è quello di inviare studenti tibetani a studiare in posti lontani nella Cina continentale per sradicarli dalla loro cultura.

Nel corso degli anni, il Partito Comunista Cinese (PCC) ha adottato vari mezzi per infondere nei tibetani autoctoni l’idea che la loro cultura e religione tradizionale siano arretrate, barbare e basate su credenze superstiziose.

Nel suo ultimo tentativo di allontanare la nuova generazione di tibetani dalla loro cultura, il PCC ha recentemente emesso avvisi che vietano ai quadri, agli studenti e ai genitori tibetani di partecipare ad attività religiose.

Le autorità hanno anche rilasciato ai genitori una cosiddetta “circolare di garanzia” attraverso le scuole dei loro figli.

Contiene sei punti, due dei quali indicano in particolare che durante le vacanze estive agli studenti viene rigorosamente vietato partecipare a qualsiasi tipo di attività buddhiste.

In realtà, un tale “preavviso” non è una novità per i tibetani. In passato, il PCC ha costantemente emesso tali divieti prima di ogni importante festa culturale e religiosa.

La  Saga Dawa , o Month of Buddha, è un festival importante per i buddisti tibetani. Il PCC ha inserito questo evento tra le priorità. Il Dipartimento di educazione del regime invia regolarmente un promemoria alle scuole di tutta la provincia dove viene comunicato che gli studenti non sono autorizzati a partecipare a qualsiasi attività religiosa correlata.

Lo stesso vale per il Festival delle Lanterne, che segna la fine del capodanno cinese a febbraio o agli inizi di marzo; l’assemblea di preghiera del nuovo anno tibetano e le celebrazioni del compleanno del Dalai Lama, sono state bandite.

Sono state fornite cinque direttive mirate a migliorare l’educazione degli studenti lungo linee ideologiche.

Primo, non è permesso andare nei monasteri per adorare il Buddha; secondo, non possono frequentare alcuna attività religiosa durante il Saga Dawa; in terzo luogo, i genitori come gli accompagnatori degli studenti non sono inoltre autorizzati ad andare nei monasteri per adorare il Buddha o partecipare a qualsiasi attività religiosa buddista; in quarto luogo, a tutti i dipartimenti governativi di livello superiore viene chiesto di monitorare e investigare segretamente la situazione sul campo e trattare severamente coloro che violano i regolamenti.

E infine, i genitori che portano gli studenti a venerare il Buddha o a partecipare ad attività religiose dovrebbero essere affidati direttamente alla commissione educativa per essere “corretti”.

Ai genitori viene “chiesto” di porre la loro firma dopo aver preso visione di questi “avvisi”, in modo tale da assumersi la piena responsabilità delle azioni dei loro figli.

In effetti, le comunicazioni sono un “accordo” segreto tra le scuole e i genitori degli studenti che le frequentano, poiché i genitori devono assumersi tutta la responsabilità per eventuali “violazioni del contratto”.

Questo segna un cambiamento nella politica per il PCC riguardante gli studenti tibetani, da un parziale divieto di partecipare a importanti feste religiose a un divieto totale di tutte le attività religiose.

Inoltre, il PCC inizialmente ha inviato migliaia di adolescenti tibetani in istituti scolastici in province lontane, isolandoli completamente dalle loro famiglie, dalla cultura, dalla religione e dall’ambiente tibetano.

Ciò gli ha permesso di trasferire direttamente l’ideologia cinese in classi tibetane delle città e in villaggi fuori dal Tibet.

Successivamente il governo ha reso eseguibile un programma denominato “Study in Different Places” dove viene previsto, per altri adolescenti tibetani dalla regione autonoma del Tibet (TAR) alla Cina interna, un ulteriore indottrinamento politico.

I giovani monaci sono anche costretti a lasciare i loro monasteri e sono ancora obbligati a studiare nelle scuole che gestiscono una ricorrenza. Nel febbraio 2015, ai novizi della provincia del Qinghai è stato detto di rinunciare alle loro vesti e frequentare le scuole governative dopo essere rientrati a casa per il nuovo anno lunare.

Secondo le statistiche ufficiali, circa 21.000 adolescenti di questa regione stanno ora studiando in 22 province e città in tutta la Cina. Fuori dal Tibet ci sono ora 17 scuole medie, 68 scuole superiori e 48 scuole professionali secondarie che gestiscono corsi tibetani sul continente cinese.

Ogni anno circa 1.500 studenti junior, 3.000 studenti delle scuole superiori e 3.000 studenti delle scuole professionali secondarie sono iscritti a queste classi. La maggior parte proviene dal TAR.

La prefettura autonoma tibetana di Yushu ha vissuto una situazione simile. Dal 2015 ha iniziato a inviare 1.000 matricole delle scuole superiori in varie province su base annuale. Il numero attualmente è di 5.000.

Inoltre, il 22 maggio, la Corte Intermediaria di Yushu ha incarcerato il difensore della lingua tibetana e il negoziante locale Tashi Wangchuk dopo che aveva implorato Pechino di appoggiare meglio la lingua e la cultura tibetana. Una sentenza successivamente denunciata dagli esperti delle Nazioni Unite per i diritti umani.

Dal 2013, la prefettura autonoma tibetana di Hainan gestisce le scuole secondarie professionali nel Jiangsu, Hubei, Sichuan e in altre province. Sono già stati trasferititi più di 2.000 studenti.

Ma nonostante abbia “purificato” decine di migliaia di studenti tibetani, il partito non è ancora riuscito a raggiungere il suo obiettivo di sterminare l’etnicità o la cultura tibetana.

Per questo motivo, ora sta cercando nuove strade vietando alle giovani generazioni e ai loro tutori di partecipare ad eventi culturali religiosi tradizionali nella loro terra natale, il Tibet.

Secondo Agya Hotogtu, membro del Comitato nazionale della Conferenza consultiva politica del popolo cinese, l’organo consultivo politico più anziano in Cina, “L’unica religione in Cina è il PCC”

“La Cina ha una sola religione, che è la religione del Partito Comunista”, ha detto Agya, che funge anche da vice presidente dell’Associazione buddista della Cina e capo del monastero di Kumbum, un gompa tibetano nella provincia del Qinghai che confina con il Tibet.

Per usare gli insegnamenti del partito per “educare” le persone, il PCC non può tollerare l’esistenza “normale” di alcuna religione. Si sente anche obbligato a Sinicizzare la nazione tibetana, motivo per cui ha intensificato i suoi sforzi per sopprimere la religione tibetana e la cultura tradizionale.

Con oltre mille anni di sviluppo in Tibet, il buddismo è diventato il corpo principale della cultura tibetana ed è stato integrato in tutti gli aspetti della vita tibetana.

Inquadrato in un tale contesto, è assurdo che il PCC proibisca ai tibetani di impegnarsi in attività religiose. Per esempio, i tibetani hanno una tradizione, le ruote della preghiera. Sono presenti, in particolare, a  Barkhor Street nella vecchia area della capitale, Lhasa.

Ma possiamo davvero pensare che stanno utilizzando questo strumento di preghiera per “partecipare” o si stanno “impegnando” in attività religiose semplicemente mentre camminano lungo questa strada? Questa è una logica assurda.

Il Global Times, di proprietà statale,   ha recentemente dichiarato che l’articolo 8 della legge cinese sull’istruzione stabilisce che “lo stato separa l’istruzione dalla religione, nessuna organizzazione o individuo può fare uso della religione per condurre attività che interferiscono con il sistema educativo dello stato”.

Tuttavia, l’articolo 26 della Costituzione cinese afferma chiaramente che “i cittadini della Repubblica popolare cinese godono della libertà di credo religioso, nessun organo statale, organizzazione pubblica o individuo può costringere i cittadini a credere o non credere in alcuna religione; possano discriminare i cittadini che credono o non credono in nessuna religione “.

Ovviamente, il divieto del PCC alla partecipazione dei tibetani alle attività religiose viola la carta del paese. Eppure il PCC ignora questa contraddizione quando si tratta del Tibet.

L’obiettivo del partito è chiaro: vuole sostituire la religione tibetana con la “religione del partito comunista”, in tal modoi tibetani possono essere assimilati ai cinesi di etnia Han e devono solo “adorare” il PCC. Così facendo, il partito può continuare il suo sogno di governare la Cina per cento anni.

Traduzione Laogai Research Foundation Italia Onlus


Fonte: UNPO,04/09/2018

Versione inglese: Tibet: Students Not Allowed to Join Buddhist Activities 

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.