Tibet-Driru: Autorità governative del regime intimano alla popolazione locale di issare le bandiere cinesi nello loro abitazioni .

DHARAMSALA, 03/Ottobre/2013 – Le autorità cinesi nel contea di Driru nel Tibet orientale hanno intensificato le ostilità sul popolo tibetano in diverse aree, dopo che la popolazione non hanno issato le bandiere cinesi in nel le loro case in coincidenza con le celebrazioni del giorno nazionale cinese .

Ngawang Tharpa, un tibetano che vive nella regione riferisce che la situazione è molto “tesa” in Driru , circa 18000 membri delle forze di sicurezza sono arrivatis a Driru da Nagchu County e altre aree della regione autonoma del Tibet dal 10 settembre.

Le autorità hanno proclamato che i tibetani devono amare la loro patria e devono issare la bandiera nazionale cinese sulle loro case La situazione è in stallo tra le autorità di governo e la gente del posto.

Il 28 settembre, i tibetani del villaggio MOWA si sono scontrati con le forze di sicurezza cinesi dopo essersi rifiutati di alzare la bandiera cinese gettandola in un fiume, ha detto Tharpa. Attualmente il villaggio è occupato o dalle truppe cinesi .

Circa 40 tibetani dei villaggi vicini di Taklhay, Bharo, Neshoe sono stati arrestati dopo che sono andati a protestare contro l’uso della forza e della violenza sui tibetani del villaggio MOWA, ai manifestanti è stato detto che avrebbero impedito loro l’utilizzo di strutture ospedaliere ed i figli sarebbero stati espulsi dalle scuole.

Circa 1000 tibetani, tra cui un anziano di 83-anni si è seduto al di fuori del presidio amministrativa del governo cinese per chiedere il rilascio dei tibetani arrestati il 28 settembre iniziando uno sciopero della fame . Le autorità hanno rilasciato i 40 tibetani, dopo l’arrivo di funzionari governativi. Molti dei rilasciati presentavano segni di lesioni sul capo.

Le autorità hanno allestito sei posti di blocco intorno alla zona e un grande accampamento militare vicino al villaggio di Mowa e alcuni più piccoli nei pressi dei villaggi di Traring e Monchen.

Le autorità stanno monitorando strettamente tutti i movimenti dentro e fuori l’area e controllano tutte le linee di comunicazione: è quindi difficile acquisire informazioni dettagliate sull’arresti e torture ecc.

Le autorità stanno monitorando rigorosamente tutti i movimenti in entrata e in uscita della zona di intercettare tutte le linee di comunicazione, ha detto la fonte, aggiungendo che è quindi difficile da acquisire i dettagli su arresti e torture ecc

Alcuni abitanti del luogo hanno paragonato la situazione a quella della Rivoluzione Culturale . Ogni famiglia e controllata da circa dieci militari.

Phayul.com, 03 Ottobre2013

English Version:
http://phayul.com/news/article.aspx?id=34070&article=Tibetans+refuse+to+hoist+Chinese+flag%2c+Driru+tense+as+China+cracks+down+on+Tibetans

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.