Un antico tempio buddista chiuso sulla base di accuse false.[Video]

Nemmeno i luoghi classificati come siti protetti sui piani storico e culturale sfuggono allo scempio.

Durante il Rivoluzione Culturale, il Partito Comunista Cinese (PCC) ha lanciato una campagna che mirava a eliminare i “Quattro vecchiumi” (vale a dire le vecchie usanze, la vecchia cultura, le vecchie abitudini e le vecchie idee), con l’intenzione di liberarsi di tutto ciò che fosse legato ai valori tradizionali del Paese. Le Guardie Rosse hanno dato fuoco a dipinti e libri, e hanno distrutto sculture e oggetti antichi dal valore inestimabile. Non hanno fatto eccezione i templi e le tombe dei personaggi storici, ugualmente saccheggiati e profanati. Sotto il regime che vige attualmente, i templi delle religioni popolari tradizionali della Cina, così come quelli buddhisti e taoisti, si trovano a subire di nuovo un giro di vite, analogo a quello della Rivoluzione Culturale.

Una delle sale del tempio Lianhua, prima della chiusura

Il tempio Lianhua, nella città a livello di contea di Dengfeng, sotto la giurisdizione della città di Zhengzhou, nella provincia centrale dell’Henan, è stato costruito nel 1927, durante il sedicesimo anno di vita della Cina repubblicana (1912-1949). Prende nome dalla Cima Lianhua, che significa “Cima del loto”, e si trova ai suoi piedi. Si estende su un’area di più di 7mila metri quadrati, con più di 60 abitazioni, circondate da alberi antichi, ed è un tempio della religione popolare designato come «sito storico e culturale principale, sotto la protezione della città di Zhengzhou» dal 2009. Due anni più tardi, davanti al tempio è stato eretto un monumento per commemorare questo importante evento.

Monumento eretto di fronte al tempio Lianhua per onorarlo come “sito storico e culturale protetto”

In pochi anni però la sua condizione è improvvisamente passata da “protetta” a “perseguitata”. Nel novembre 2018 i funzionari locali hanno iniziato con le aggressioni nei confronti del tempio; hanno persino dato fuoco a una cassetta delle offerte.

L’ingresso principale del tempio Lianhua, prima della chiusura

Il 15 marzo di quest’anno, però, il tempio ha incontrato l’ostacolo più grande. Alcuni funzionari provenienti dall’Ufficio comunale per l’amministrazione del patrimonio culturale di Dengfeng, dal Dipartimento del lavoro del Fronte Unito della zona e dall’Ufficio per la sicurezza pubblica, scortati da più di 20 addetti, hanno fatto irruzione nel tempio Lianhua. Non solo l’hanno chiuso, ma hanno anche distrutto le statue religiose che conteneva e più tardi le hanno sotterrate.

Le statue religiose che si trovavano nel tempio Lianhua sono state distrutte e sotterrate

La motivazione addotta dai funzionari per questo giro di vite è stata che il tempio fosse in relazione con una «organizzazione reazionaria» chiamata “Loto Bianco”, un antico movimento religioso popolare cinese fondato alla fine del XIII secolo e in seguito perseguitato. Nel corso della dinastia Ming (1368-1644), “Loto Bianco” è divenuta una denominazione generica per indicare tutti i gruppi vietati in quanto xie jiao. Le persone che si occupavano del tempio hanno affermato di non aver mai sentito parlare di questo movimento religioso: il tempio Linhua e il “Loto Bianco” non hanno alcuna relazione.

L’ingresso principale del tempio Lianhua è stato chiuso

L’improvvisa virata nell’atteggiamento del governo e la distruzione delle statue hanno sollevato alcune domande per la popolazione del luogo: come è possibile che di colpo un sito storico protetto venga associato a una «organizzazione reazionaria»? Alcune persone hanno dichiarato che, a guardare tali azioni stravaganti e irragionevoli portate avanti dalle autorità e i continui mutamenti della politica in Cina, non solo le persone religiose, bensì tutta la popolazione al completo stia smarrendo la sensazione della propria sicurezza.

Video: Sono stati posti i sigilli a ciascuna delle porte delle sale e delle case del tempio di Lianhua.

Una donna, fra i turisti in visita al sito, ha asserito che la chiusura del tempio Lianhua è molto strana e ridicola, dal momento che era molto famoso. Ha affermato inoltre che le autorità ora proibiscono persino le religioni tradizionali cinesi, come il buddhismo e il taoismo, e fanno sentire la gente come se fosse tornata indietro all’epoca della Rivoluzione Culturale.

Una targa con le informazioni sul tempio Lianhua

Fonte: Bitter Winter,08/05/2019

English version:

Ancient Temple Sealed off on False Accusations (Video)

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.