Tibet. Cina promette pugno duro contro funzionari Tibet filo-Dalai Lama

La Cina punirà severamente i funzionari che in Tibet sosterranno il Dalai Lama, il leader spirituale in esilio e premio Nobel per la pace. L’ha riferito il segretario del Partito comunista cinese nel Tibet Chen Quanguo.

“I membri del partito, specialmente i quadri dirigenti, a tutti i livelli devono salvaguardare l’unità con la madrepatria”, ha detto Chen. “I quadri – ha aggiunto – che ospitino fantasie riguardo al gruppo del 14mo Dalai Lama, seguano il gruppo del Dalai Lama e partecipino al sostegno delle attività di sabotaggio e infiltrazione dei separatisti, saranno strettamente e severamente puniti in base alla legge e alla disciplina di partito”.

I commenti di Chen vengono dopo che il capo di un’ispezione anti-corruzione ha affermato che funzionari del partito tibetano devono concentrarsi nel combattere il separatismo e mantenere la stabilità sociale, secondo quanto ha riferito il sito internet ufficiale Global Times.


Fonte TMNews, 5/11/2014

English article: Exile Tibetan government condemns statement by TAR Party Chief

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.