TIBET: Centinaia di contadini protestano per la confisca delle loro terre.

I giorni 16 e 17 marzo centinaia di tibetani hanno organizzato manifestazioni di protesta in seguito alla confisca delle loro terre operata dalle autorità cinesi per fare posto alla costruzione di un’autostrada destinata alla fornitura di approvvigionamenti alle imprese minerarie e industriali operanti a Sangchu, nella prefettura di Kanlho, provincia del Gansu.

Nella foto la protesta dei contadini tibetani per il sequestro forzato dei loro terreni agricoli per la costruzione di autostrade, legati alle attività di miniere d’oro nella contea di Sangchu, 16 marzo 2014.

Dispiegando grandi striscioni in cui si denunciava l’illegale esproprio dei loro terreni (nella foto), i tibetani, per due giorni, hanno manifestato la loro contrarietà al progetto che ritengono lesivo dell’ambiente naturale e che mette a repentaglio i pascoli destinati al bestiame.

I tibetani hanno inoltre lamentato di non avere ricevuto alcuna compensazione finanziaria per la confisca delle loro terre la cui perdita influirà fortemente sul loro stile di vita. In seguito alle manifestazioni, alcuni tibetani sono stati arrestati.

“Edifici alti diversi piani sono stati costruiti in tutta l’area”, ha dichiarato un tibetano a Radio Free Asia. “Da anni i cinesi estraggono oro dai giacimenti pur conoscendo quanto i tibetani siano preoccupati per la devastazione ambientale e l’inquinamento che le attività minerarie comportano. Ci siamo appellati alle autorità più di una volta ma non abbiamo mai avuto risposte positive”. “Finora siamo riusciti a rallentare la realizzazione dei progetti ma i forti interessi delle autorità locali stanno vanificando i nostri sforzi”.

Monaci buddhisti arrestati nella Contea di Sog

Quattro monaci tibetani appartenenti al monastero di Drilda, nella Contea di Sog, sono stati arrestati la notte del 17 marzo. A causa delle restrizioni alle comunicazioni imposte dalle autorità cinesi non sono ancora note le ragioni del loro arresto.

Altri due giovanissimi monaci del monastero di Sog Tsenden sono stati tratti in arresto il 14 marzo con l’accusa di avere dato fuoco alla bandiera cinese e di avere scritto “il Tibet è indipendente” all’ingresso degli alloggi del gruppo di lavoro cinese che staziona permanentemente nel monastero. Un altro monaco ventenne è stato arrestato il 16 marzo per aver inviato ai confratelli una relazione scritta in cui critica il governo cinese.

Fonte:Radio Free Asia,Phayul,Associazione Italia Tibet

Phayul,com, March 25, 2014 ,click here:

Radio Free Asia; 2014-03-22,click here:

Hundreds of Tibetans Protest Land Seizure Over Gold Mining Activities

Phayul,com, March 25, 2014 ,click here:

Two monks of Sog Tsenden monastery arrested

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.