TIBET: Autorità cinesi stanno costringendo i Tibetani del Kardze a partecipare alla campagna anti immolazioni

Le autorità cinesi della Contea di Kardze hanno costretto i residenti a prendere parte alle esercitazioni organizzate lo scorso 26 maggio per prevenire i casi di autoimmolazione e altre forme di protesta. I servizi di sicurezza della Contea hanno coinvolto nell’esercitazione anche i funzionari governativi tibetani.Una fonte tibetana ha fatto sapere che i tibetani e i loro famigliari sono stati avvisati dei pericoli in cui potrebbero incorrere se, sotto interrogatorio, si rifiutassero di collaborare. “A fronte di queste minacce, molti non hanno avuto altra scelta se non quella di partecipare all’esercitazione”.

Negli stessi giorni le autorità di Kardze hanno rilasciato Gatruk Dorje, un monaco del monastero di Beri. Il religioso aveva finito di scontare gli otto anni di prigione che gli erano stati comminati per aver preso parte alle proteste avvenute a Kardze nel 2008. Era stato accusato di avere appiccato il fuoco ad un ponte e di avere sparso chiodi sulla strada per impedire l’arrivo al monastero dei veicoli militari e della polizia.

Radio Free Asia, 29/05/2014

English version:
Self-Immolation Tibet [PHOTOS]: Residents Forced On Anti-Self-Immolation Campaign

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.