TIBET: adolescente torturato, altri due imprigionati per mancata registrazione nel gruppo WeChat controllato dalle autorità locali

Secondo quanto riferito martedì il gruppo dei diritti Free Tibet, il 17 febbraio due adolescenti tibetani sono stati imprigionati e un altro ricoverato in ospedale dopo essere stati brutalmente torturati e entrambe le gambe rotte, tutto per la mancata registrazione di un gruppo WeChat con le autorità locali.

Dadul dopo essere stato torturato dalla polizia cinese (Foto: Tibet libero)

I tre ragazzi identificati come Dadul, Sangye Tso e Kansi (soprannome), vivono nel Kyegudo, nella zona della cosiddetta provincia del Qinghai nel Tibet orientale. Si dice che Dadul sia stato picchiato brutalmente, riportando gravi ferite ad entrambe le gambe.

“La sua famiglia è stata convocata dalla polizia e hanno comunicato di portare non più di due membri della famiglia e 40.000 yuan (circa 6.000 sterline) in un ospedale a centinaia di chilometri di distanza a Xining, apparentemente per pagare un intervento chirurgico”.

Il gruppo per i diritti umani ha riferito anche  che la famiglia è stato detto di non divulgare l’accaduto causa ritorsioni.

Al momento non ci sono informazioni sul luogo e sulle condizioni di Sangye Tso e Kansi.

Sangye Tso in una foto non datata (Photo / Free Tibet)

“Questi giovani sono stati brutalizzati per aver esercitato un diritto che la maggior parte di loro dà per scontato. Chiederei a tutti di immaginare se dovessero invitare un funzionario del governo a ciascuno dei loro gruppi chat o affrontare la prigione e gli arti spezzati “, ha detto John Jones, Campaigns and Advocacy Manager, a Free Tibet.

Il Partito Comunista Cinese impone che tutti i gruppi chat siano registrati presso le autorità locali in modo che anche un funzionario possa unirsi al gruppo per monitorare le conversazioni. Il gruppo creato dagli adolescenti, il cui nome si traduce come “White Rocky Mountain Club”, un riferimento a una divinità buddista locale, è stato istituito prima del Losar, o il capodanno tibetano. Il gruppo conta attualmente circa 240 membri.

WeChat, un’app di micro messaggistica è al centro di molti incidenti in cui le autorità cinesi, con l’aiuto dell’app, hanno arrestato e perseguitato tibetani nel corso degli anni. In un rapporto 2016 di Amnesty International sulla privacy degli utenti, Tencent, proprietaria di WeChat, ha ottenuto zero su 100 per la mancata dichiarazione delle richieste del governo per le informazioni personali degli utenti e per non aver implementato la crittografia end-to-end dei messaggi. Almeno 29 tibetani sono stati arrestati o detenuti in relazione ai loro posti WeChat solo tra il 2014 e il 2019, secondo il Tibet Action Institute.

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: Phayul, 02/o3/2021

Versione inglese:

Teen tortured, two other imprisoned for failure to register WeChat group 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.