Terzo sciopero della fame dell’ex presidente di Taiwan ancora in carcere

L’ex presidente di Taiwan, Chen Shuibian, protesta contro l’ingiusto e immotivato prolungamento della sua carcerazione preventiva, ormai in atto da 5 mesi. Ieri il tribunale ha confermato la detenzione per altri due mesi per ragioni cautelari. Ma sempre più persone, anche indipendenti, sono convinte che non ci siano motivi legali, ma solo politici.

E’ tornato ieri in carcere l’ex presidente taiwanese Chen Shuibian, dopo tre giorni di ricovero in ospedale per “disidratazione” per il suo terzo sciopero della fame iniziato il 7 maggio contro la prolungata carcerazione preventiva.

Ieri la Corte distrettuale di Taipei ha deciso di prolungare per altri due mesi la sua detenzione per l’affermato pericolo che possa influenzare i testimoni o fuggire. Chen (nella foto: viene portato in ospedale) è stato arrestato a dicembre con l’accusa di corruzione e altri gravi reati commessi quando era presidente. Egli ha sempre negato ogni responsabilità e sostenuto che l’accusa è motivata da ragioni politiche.

Tsai Ingwen, portavoce del Partito democratico progressista già guidato da Chen, ha detto ieri che secondo i loro avvocati “per continuare la detenzione non ci sono ragioni legali, ma solo politiche”. Cheng Wentsang, pure del Pdp, ha parlato di “carcerazione punitiva” per umiliare Chen e chi lo sostiene.

Questa è ormai la convinzione anche di ambienti indipendenti, che criticano la prolungata carcerazione perché priva Chen dei propri diritti.

Per la notte del 18 maggio il Partito democratico progressista ha deciso una marcia di protesta contro il presidente Ma Yingjeou. Il Pdp lo accusa di non rispettare i diritti umani, non saper risollevare l’economia stagnante e di rinunciare alla sovranità di Taiwan pur di riprendere i rapporti con la Cina. Sono previsti decine di migliaia di partecipanti, tra cui molti non militanti politici. Il Pdp non chiederà la formale autorizzazione per la marcia, per verificare se il governo ha intenzione di impedire simili manifestazioni di democrazia. (fonte: AsiaNew, 13 maggio 2009)

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.