Terra dei fuochi blitz polizia: sequestri e denunce per operazioni illecite deposito rifiuti speciali

Blitz della polizia nella Terra dei Fuochi: poste sotto sequestro per “attività illecite” diverse attività commerciali.

Blitz della polizia metropolitana di Napoli nella Terra dei Fuochi: 69 persone denunciate e sospese le attività di 34 aziende per presunte operazioni illecite inerenti e irregolarità nel deposito di rifiuti speciali e pericolosi, che vede coinvolti un opificio tessile di Boscoreale (Napoli) gestito da soggetti di nazionalità cinese presso il quale lavoravano operai in nero.

Un altro intervento delle forze dell’ordine è avvenuto a Terzigno, sempre nella mattinata di oggi, 19 ottobre, presso un opificio tessile gestito da soggetti di nazionalità bengalese, la cui attività è stata sospesa per il mancato rispetto delle norme sulla sicurezza sul lavoro e per lo smaltimento dei rifiuti. A Caivano posto sotto sequestro un calzaturificio per violazione delle norme poste a tutela della qualità dell’aria; a Casandrino, disposte le medesime misure a un opificio sartoriale presso il quale prestavano servizio 40 dipendenti, 29 dei quali extracomunitari, di cui uno clandestino.

A San Giuseppe Vesuviano, il titolare di un’officina per la lavorazione di metalli è stato denunciato perché sprovvisto di formulario per lo smaltimento dei rifiuti e della documentazione comprovante l’autorizzazione a immettere i fumi in atmosfera.


Fonte: Urbanpost, 19 ott 16

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.