Taroccavano i passaporti di cittadini cinesi

Immigrazione clandestina dalla Cina, via Malesia. La Polizia di Frontiera di Malpensa ha arrestato tre cittadini malesi, due uomini ed una donna. L’operazione nella giornata di ieri, mercoledì 22 febbraio: in aeroporto, provenienti da Kuala Lumpur via Abu Dhabi, sono stati individuati ai controlli documenti un cittadino malese del 1965 in compagnia di una donna ed di un ragazzino di 17 anni, che ha dichiarato di essere il marito della donna e il padre del minorenne, mostrando i passaporti di tutti e tre. I controlli degli agenti, non convinti dalla versione fornita dall’uomo, hanno portato a scoprire l’inganno, ordito dai tre malesi (l’uomo di 47 anni, una donna di 45 anni ed un giovanissimo nato nel 1993): questi taroccavano i passaporti di cittadini cinesi giunti irregolarmente in Europa, sostituendo le foto sui passaporti di nazionalità malese, per permettere di raggiungere la Francia via Italia. I tre “favoreggiatori” hanno tutti dei precedenti segnalati alle forze dell’ordine, risalenti allo scorso dicembre: dalle perquisizioni sono saltati fuori passaporti con numerosi timbri di vari paesi appartenenti all’area Shengen, segno evidente dell’utilizzo diffuso dello stesso passaporto con foto cambiata per far passare vari passeggeri clandestini destinati a diversi stati europei. La donna e il giovane sono stati fermati mentre stavano per far partire alcuni passeggeri cinesi minorenni verso Parigi con un volo low cost di easyJet in decollo dal T2. Per tutti e tre, visti anche i precedenti, sono scattate le manette.

Fonte: Varese news, 24 febbraio 2012

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.