SVIZZERA: attivista tibetana maltrattata da personale dell’ambasciata cinese, avviata un’inchiesta penale.

BASILEA – Il Ministero pubblico di Basilea Città ha avviato un’inchiesta penale dopo che un’attivista tibetana ha sporto denuncia per presunti maltrattamenti subiti dai servizi di sicurezza dell’ambasciata di Cina. I fatti risalgono a domenica scorsa in occasione della Festa della luna, una ricorrenza cinese celebrata nella città renana dal 2010.

La denuncia contro ignoti è stata depositata ieri, ha indicato oggi all’Ats un portavoce del Ministero pubblico. L’attivista ha spiegato agli inquirenti che uomini hanno utilizzato la forza per placcarla a terra e prenderle i manifesti in suo possesso. Qualora gli autori delle vie di fatto e del furto fossero realmente impiegati dell’ambasciata cinese, la procura basilese contatterà le autorità federali competenti a Berna.

La Festa della luna è celebrata a Basilea dal 2010 nell’ambito del gemellaggio stipulato tra la città renana e quella cinese di Shanghai nel 2007. Quest’anno attivisti dell’associazione Gioventù tibetana in Europa hanno approfittato della ricorrenza per manifestare in favore della liberazione del Tibet e contro la propaganda cinese.

In una nota odierna, il presidente del governo di Basilea Città, Guy Morin, deplora gli incidenti avvenuti domenica. A suo avviso, i servizi di sicurezza dell’ambasciata di Cina sono intervenuti per proteggere durante il suo intervento l’ambasciatrice Xu Jinghu. La protesta degli attivisti ha invece potuto svolgersi normalmente prima e dopo il discorso della diplomatica.

Ticinoonline,12/09/2014

English version, Phayul,click here: Tibetan activists manhandled by Chinese Embassy staff in Switzerland

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.