Svezia, condannata spia uigura al servizio della Cina

Un tribunale svedese ha condannato oggi a sedici mesi di reclusione un rifugiato uiguro per aver fornito alla Cina informazioni su altri connazionali. Babur Maihesuti si sarebbe infiltrato nel World Uighur Congress, un organismo politico per gli esuli dello Xinjiang. Il tribunale di Stoccolma ha rivelato che tra il 2008 e il 2009 Maihesuti ha raccolto informazioni sull’attività politica degli Uighuri in esilio, passandole ad una spia cinese che si spacciava per diplomatico e giornalista. La corte distrettuale di Stoccolma ha dichiarato che il crimine in questione è molto grave perché l’attività di spionaggio era a favore di un paese che non rispetta pienamente i diritti umani, continuando a reprimere proprio la minoranza musulmana e turcofona degli Uiguri.

Fonte: Peace Reporter, 9 marzo 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.