Star N9500, arriva dalla Cina lo smartphone con il malware incluso

Andrea Lorini,Epoch Times,18.06.2014
Si chiama N9500 ed è prodotto dall’azienda cinese Star. È lo smartphone dal malware incorporato, capace di copiare i dati personali e inviarli ad un server remoto a tua insaputa.La denuncia arriva dagli esperti di sicurezza di G Data che al suo interno hanno scoperto il Trojan Uupay.D: il virus si maschera da Google Play ed entra in azione non appena si inizia a scaricare le prime app.

Nella foto: Il modello cinese di Smartphone, molto simile al Galaxy S4, ha un malware incorporato che mina la sicurezza degli utenti

«I dati intercettati sono inviati a un server anonimo situato in Cina», afferma Christian Geschkat, Product Manager Mobile Solutions di G Data, secondo una nota della società. «Non è possibile al momento scoprire chi riceve e come utilizza questi dati».

Ma l’inganno non finisce qui: il telefono cinese è quasi del tutto identico al Samsung Galaxy S4, eccetto per il fatto che costa poco più di 130 euro ed include doppia batteria, processore quad-core, seconda cover e fotocamera di alta qualità. Un piatto gustoso per qualsiasi amante della telefonia mobile d’avanguardia, che però ha già mandato in tilt i centri di controllo delle aziende antivirus di tutto il mondo.

«Le opzioni di utilizzo di questo programma spia sono praticamente illimitate. I criminali online hanno un accesso totale allo smartphone», ha detto Geschkat. La portata del rischio per gli utenti è ampia: il programma infetto – riporta G Data – consente localizzazione, intercettazione e registrazione, acquisti, frodi bancarie, invio di sms a pagamento con tariffe premium, controllo remoto di videocamera e microfono.
Secondo il Corriere.it, un ricercatore di Kaspersky ha affermato chiaramente che l’N9500 «esce dalla fabbrica con un ampio programma di spionaggio».

Il caso di N9500 è solo l’ultimo di una serie interminabile di spionaggi informatici del made in China, che hanno messo sugli attenti le imprese e i governi di tutto il mondo. Router per connessione wi-fi, chiavette usb, telecamere, elettrodomestici con chip 007 inclusi, smartphone, gps. In arrivo dalle fabbriche cinesi sono molti gli apparecchi forniti di backdoor (porte di accesso per gli hacker) infettati da malware.

Nel novembre del 2013 il fenomeno aveva raggiunto livelli sarcastici: alcuni agenti di dogana russi avevano trovato microchip wifi e microprocessori dentro alcuni bollitori e ferri da stiro provenienti dalla Cina. I chip hanno lo scopo di collegarsi a reti non protette fino a 200 metri di distanza, dopo che i dispositivi vengono connessi alla corrente, poi ‘chiamano’ casa e consentono agli hacker di entrare.

Fonte: Epoch Times, http://www.epochtimes.it/news/star-n9500-arriva-dalla-cina-lo-smarphone-con-il-malware-incluso—126533

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.