Sotto la pressione di Cina, Turchia e Pakistan deportano i musulmani uiguri che si sono rifugiati per sfuggire alle atrocità cinesi

Il messaggio sembra essere chiaro: le nazioni islamiche hanno preferito i soldi sporchi della Cina ai musulmani. Gli interessi dei cosiddetti protettori dei musulmani risiedono semplicemente nel denaro cinese e non nella loro ‘Ummah’.

Mentre la Cina continua a perseguitare i musulmani uiguri rinchiudendoli nei campi di “rieducazione”, costringendoli a lasciare l’Islam nel tentativo di deradicalizzarli, gli uiguri stanno ora fuggendo dalla provincia dello Xinjiang, un territorio autonomo nel nord-ovest della Cina, per cercare rifugio nei paesi islamici in Cina.

In guerra con gli uiguri, la Cina ha imprigionato più di un milione di uiguri nei campi di detenzione. Pechino ha demolito moschee, scuole e cimiteri e separato i bambini dai genitori, il tutto per cancellare la cultura uigura. Ci sono accuse secondo cui le donne vengono sistematicamente violentate e maltrattate nei cosiddetti campi di “rieducazione”.

Gli Stati Uniti d’America hanno accusato la Cina di perseguitare gli uiguri, definendo le loro atrocità un “genocidio”. Nel frattempo, la Cina ha imposto ulteriori restrizioni nello Xinjiang e l’accesso ai campi stessi è inesistente. Tuttavia, tra tutte le accuse e le smentite, i musulmani uiguri sono ormai da decenni al centro di persecuzioni e si stanno gradualmente spostando dalla loro patria verso lontane nazioni islamiche.

I paesi islamici preferiscono i soldi cinesi ai musulmani uiguri 

Molte nazioni islamiche hanno inizialmente accettato gli uiguri, hanno espresso la loro solidarietà e alcuni hanno persino condannato la Cina per aver compiuto atrocità contro i suoi fratelli musulmani nello Xinjiang. Gran parte del mondo islamico viene a conoscenza della detenzione di oltre milioni di uiguri nei campi di concentramento dello Xinjiang. Tuttavia, anni dopo, la maggior parte delle autoproclamate avanguardie del mondo musulmano sembra aver scaricato gli uiguri, poiché si sono completamente sottomessi alla volontà della Cina.

Il mondo islamico, che si è arreso ai capricci cinesi, ha tenuto la bocca chiusa nei confronti della Cina. Senza il coraggio di parlare contro la Cina, i Paesi islamici ora buttano gli uiguri sotto l’autobus in cambio di soldi cinesi. Il Pakistan e la Turchia, che affermano di difendere la causa dell’Islam, hanno deluso gli uiguri non solo rimanendo in silenzio sulla belligeranza cinese contro gli uiguri, ma si sono anche uniti a Pechino per perpetrare su di loro più terrore.

I musulmani uiguri, che erano sfuggiti alle atrocità cinesi e avevano cercato rifugio in questi paesi sperando di essere salvati, sono stati pugnalati alle spalle dai loro stessi. Secondo quanto riferito, paesi islamici come il Pakistan, la Turchia, che ora sono a letto con la Cina, hanno voltato le spalle agli uiguri. Anche l’Egitto non è lontano da questi paesi.

Il Pakistan, uno stato in affitto del Partito Comunista Cinese, è sottoposto a enormi pressioni a causa delle sue relazioni con la Cina per agire sugli uiguri che hanno cercato rifugio in diverse città del Pakistan. Vale la pena ricordare che la Cina sta sponsorizzando il tanto pubblicizzato CPEC, il China Pakistan Economic Corridor, un progetto economico da 62 miliardi di dollari che consiste in più prestiti da utilizzare per infrastrutture, centrali elettriche, telecomunicazioni e scuole. Anche se il Pakistan si proclama una nazione musulmana, è rimasto in silenzio sulle atrocità cinesi contro i musulmani uiguri a causa della sua eccessiva dipendenza dalla Cina.

Il Pakistan ha più volte espresso la sua riluttanza a parlare della questione uigura o della continua persecuzione della Cina nella regione dello Xinjiang, temendo il contraccolpo cinese. Nel 2019, il primo ministro pakistano Imran Khan aveva affermato di non essere a conoscenza della situazione degli uiguri in Cina. Nella stessa intervista, aveva descritto la Cina come una “bocca d’aria fresca” per il Pakistan.

Per mantenere la Cina felice, il governo pakistano farà tutto ciò che la Cina ordina loro di fare, e gli uiguri stanno soffrendo così tanto a causa del CPEC. Il progetto CPEC e la crescente dipendenza del Pakistan dalla Cina hanno ora portato gli uiguri a credere di non essere al sicuro in Pakistan.

Le autorità pakistane hanno iniziato a rintracciare gli uiguri nel Paese e verranno allontanati dal Pakistan. Le autorità pakistane hanno iniziato a raccogliere dati biometrici su tutti gli uiguri che vivono in Pakistan. Hanno minacciato di rimandarli in Cina, dove le loro famiglie saranno separate e mandate nei campi.

“Se non li aiuto io, chi lo farà? Ho aiutato molte famiglie uigure a risolvere i loro problemi e, se Dio vuole, continuerò a farlo in futuro”, ha affermato Umer Mohammed Khan, un attivista uiguro. Umer Mohammed Khan, un insegnante di scuola diventato attivista, gestisce una ferrovia sotterranea che consente agli uiguri di fuggire dalla Cina. Negli ultimi dieci anni, ha aiutato decine di famiglie a fuggire dalla persecuzione.

La Cina considera gli immigrati uiguri in Pakistan “terroristi” 

Lijian Zhao, vice capo missione dell’ambasciata cinese a Islamabad, considera Khan e altri uiguri in Pakistan come “terroristi”. La Cina crede che questi musulmani uiguri facciano parte del Movimento islamico del Turkestan orientale (ETIM), un gruppo separatista responsabile di diversi attacchi violenti all’interno della Cina come l’attacco del 2005 a Urumqi, nella regione dello Xinjiang.

“Il Movimento Islamico del Turkestan Orientale è un’organizzazione terroristica riconosciuta dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Il loro obiettivo principale è separare lo Xinjiang dalla Cina. Stiamo cercando di ottenere il sostegno di altri paesi per combattere questo gruppo. Penso che il tentativo di ETIM di separare la Cina, per creare problemi alla Cina, sia destinato al fallimento, ha affermato Zhao, che è il direttore del Dipartimento per l’informazione del Ministero degli Affari Esteri cinese a Pechino.

La polizia pakistana ha anche fatto irruzione nella scuola di lingua uigura di Khan a Islamabad e ha distrutto computer, libri di testo e altro materiale didattico per un valore di migliaia di dollari. “Non sono un terrorista, ma sì, la Cina dice che sono un terrorista. Non ho fatto niente di male. Sto semplicemente cercando di aiutare a educare le persone. Poiché la Cina ci teme, ci reprime”, ha detto Khan.

Khan dice che stavano insegnando a circa 100 bambini nella scuola che stavano imparando la lingua uigura. Non c’è esistenza senza la tua lingua e cultura materna, e stiamo affrontando una crisi esistenziale, e vogliamo rivendicare la nostra identità, dice Khan.

Pochi mesi dopo, la polizia ha nuovamente fatto irruzione nella residenza di Khan. Avevano trattenuto il suo anziano padre perché non riuscivano a trovare Khan. La polizia pakistana aveva aggredito il padre di Khan, morto poco dopo aver subito un trauma. Dopo questo incidente, Khan ha affermato di essere stato arrestato e picchiato numerose volte dalle autorità pakistane.

“I miei familiari sono venuti da me e mi hanno pregato di interrompere questo lavoro. Ma non posso. Aiutare le persone è la vocazione della mia vita e devo continuare”, afferma Khan.

La Turchia deporta gli uiguri nello Xinjiang

Il Pakistan non è l’unico Paese a conformarsi silenziosamente ai desideri della Cina. Nel 1952, l’allora governo turco offrì asilo agli uiguri in fuga dalla provincia dello Xinjiang dopo che la Cina era stata presa dal governo comunista. Ad alcuni musulmani uiguri è stata offerta la residenza temporanea o permanente in Turchia.

Tuttavia, la Turchia, che ha mostrato tutto il suo machismo contro i paesi più piccoli del Medio Oriente, sembra non avere il coraggio di alzare la voce contro la persecuzione degli uiguri poiché dipendono dalla Cina per investimenti e prestiti.

Nel 2009, il dittatore turco Recep Tayyip Erdogan è stato uno dei primi a definire la repressione cinese degli uiguri un “genocidio”, suscitando una risposta rabbiosa da parte di Pechino. Dieci anni dopo, le crescenti ostilità con l’Occidente hanno spinto l’autoritario leader turco a cercare il sostegno globale del presidente russo Vladimir Putin e del presidente cinese Xi Jinping. In effetti, il gioco geopolitico ha portato un cambiamento importante nella politica di Ankara nei confronti degli uiguri e della Cina.

Vale la pena ricordare che la Turchia ospita più di 35.000 uiguri nelle sue diverse città. Gli uiguri, che condividono la discendenza turca, hanno trovato rifugio sicuro nelle città turche e si sono stabiliti da molti anni. L’improvviso cambiamento nelle relazioni tra Cina e Turchia ha messo a rischio gli uiguri che vivono nelle città turche poiché è diventato molto più difficile  per loro ottenere permessi di soggiorno o cittadinanza.

È diventato difficile per gli uiguri vivere in Turchia poiché temono di poter essere deportati nello Xinjiang in qualsiasi momento. Per aggravare la loro paura, la Cina ha anche  rifiutato di rinnovare i loro passaporti. Il governo turco ha fatto una promessa poco brillante di consentire loro di risiedere in Turchia senza restrizioni sul passaporto. Tuttavia, allo stesso tempo, sta anche facendo irruzione nelle case degli uiguri, arrestando centinaia di persone e coordinando le deportazioni con Pechino.

Una delle ragioni principali di ciò è l’apparente allontanamento della Turchia dai suoi alleati della NATO e verso la Russia e la Cina. L’aspetto preoccupante è che la Cina ha recentemente  ratificato  un accordo di estradizione con la Turchia, a quella che definisce una “partnership antiterrorismo”. Mentre gli uiguri non avevano problemi in Turchia fino a tre o quattro anni fa, le preoccupazioni per la sicurezza di Ankara e i legami più forti con Pechino hanno invertito questa tendenza, lasciandoli in una situazione precaria.

Egitto deporta, mondo saudita e islamico tacciono

Come la Turchia, l’Egitto ha arrestato e deportato gli uiguri in Cina. Dal 2017, almeno 200 uiguri hanno arrotondato nelle incursioni, per volere del Partito comunista cinese, e sono stati rimandati in Cina.

L’Arabia Saudita, leader di fatto del mondo islamico, non ha detto una parola anche sugli uiguri. In effetti, il rapporto tra Pechino e Riyadh si è rafforzato solo negli ultimi anni. La Cina e l’Arabia Saudita hanno firmato accordi per miliardi e il denaro cinese ha trasformato il principe ereditario saudita Mohammad bin Salman in un alleato della Cina.

Anche l’Organizzazione per la cooperazione islamica, autoproclamata protettrice degli interessi del mondo musulmano, non ha trovato il coraggio di affrontare la Cina sul genocidio dei musulmani uiguri sponsorizzato dallo stato. Anche i cinquantasette Stati membri dell’OIC sono rimasti in silenzio sulla questione.

Il messaggio sembra essere chiaro: le nazioni islamiche hanno preferito il denaro sporco della Cina ai musulmani uiguri perseguitati. Gli interessi dei cosiddetti protettori dei musulmani risiedono semplicemente nel denaro cinese e non nella loro ‘Ummah’.

Traduzione Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: OpIndia, 23/05/2021

Articolo in inglese:

Under pressure from China, Turkey, Pakistan deport Uyghur Muslims who have taken refuge escaping Chinese atrocities

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.