Soldati del Myanmar bruciano vivo un uomo durante le manifestazioni del fine settimana

Domenica le forze di sicurezza in Myanmar hanno sparato colpi di mitragliatrici e granate sui manifestanti, il giorno prima c’è stato il massacro di oltre 100 manifestanti da parte dell’esercito che ha causato  richieste di azione internazionale i militari di Mandalay hanno bruciato vivo un guardiano notturno mentre sparavano a persone che cercavano di aiutarlo.

Manifestanti  trasportano un ferito a Kalay, nella regione di Sagaing nordoccidentale del Myanmar, 28 marzo 2021

La ricaduta di otto settimane di attacchi dell’esercito sempre più violenti contro i civili dal parte dei militari del 1 ° febbraio si è riversata oltre il confine con la Thailandia, dove 3.000 abitanti del villaggio nel sud-est dello stato di Karen sono fuggiti dopo che attacchi aerei dell’esercito ne hanno uccisi tre in un distretto controllato dai soldati del regime.

I 13 morti a Yangon, Sagaing, Mandalay e in altre regioni – dopo l’uccisione di sabato di 114 persone, inclusi sei bambini – hanno fatto salire il bilancio delle vittime dal colpo di stato a oltre 450 persone, mentre la condanna internazionale si è stata accompagnata dalle richieste di azione per fermare la violenza .

“Esortiamo le forze armate del Myanmar a cessare la violenza e lavorare per ripristinare il rispetto e la credibilità con il popolo del Myanmar che ha perso con le sue azioni”, ha detto una dichiarazione dei capi della difesa di Australia, Canada, Germania, Grecia, Italia, Giappone , Danimarca, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Corea del Sud, Gran Bretagna e Stati Uniti.

“Gli Stati Uniti continueranno a attribuire la responsabilità per il colpo di stato e per le violenze ripugnanti commesse dal regime militare birmano. Chiediamo a tutti i paesi di parlare con una sola voce contro la brutale violenza del regime contro il popolo birmano “, ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price a Washington.

L’Associazione di assistenza per prigionieri politici (AAPP), una ONG con sede in Thailandia, ha dichiarato di aver confermato 459 morti e 2559 arresti a partire da domenica, con 119 persone scomparse. Il bilancio delle vittime confermato da RFA ha superato le 400 persone nel fine settimana.

Testimoni del raccapricciante incendio del volontario di guardia di quartiere Aye Ko, un 42enne padre di quattro figli, ha detto di essere stato colpito al petto mentre osservava la polizia e l’esercito arrivare sulla scena di un incendio in un ufficio del governo locale.

Manifestanti corrono attorno alla loro barricata improvvisata per fare la linea di difesa durante una manifestazione a Yangon, Myanmar, domenica 28 marzo 2021. Credito: AP

‘ Solo le ossa erano rimaste’

Un testimone ha detto che l’uomo era ancora vivo e gridava aiuto quando i soldati lo hanno gettato su un mucchio di pneumatici in fiamme, ma gli spari senza sosta hanno impedito ai soccoritori di accorrere in suo aiuto.

“Lo hanno trascinato e gettato tra le fiamme”, ha detto una donna del posto che ha assistito all’incidente a Mandalay, la seconda città più grande del Myanmar.

“Solo le ossa sono state lasciate dal fuoco. È stato un atto molto disumano, selvaggio e crudele. Lo hanno bruciato vivo “, ha detto.

“Questa disumanità è una tattica del regime per creare un clima di paura tra la gente”, ha detto AAPP in un post sul blog. Il gruppo ha detto che circa 60 case a Mandalay sono state distrutte da un incendio e “alle persone nei quartieri vicini è stato impedito di aiutare quando la giunta ha aperto il fuoco contro di loro”.

RFA è stata in grado di confermare l’uccisione di nove manifestanti nella regione di Sagaing, due nella regione di Mandalay e uno nelle regioni di Bago, Ayeyarwady e Yangon.

Nel centro commerciale e nell’ex capitale Yangon, la polizia e l’esercito hanno usato bombe sonore, gas lacrimogeni e granate per reprimere le proteste vicino a una fermata ferroviaria nella cittadina di Hlaing.

“Sono arrivati ​​in treno la mattina, circa cinque o sei soldati alla stazione di Thiri Myaing. Poi hanno iniziato a sparare ”, ha detto un testimone locale. “Subito dopo, hanno iniziato a usare gas lacrimogeni e granate.”

“Uno dei manifestanti ha raccolto (una granata) e ha cercato di lanciarla indietro, ma è esplosa in aria perdendo la mano, mentre un altro uomo è stato colpito alla coscia e anche altri nelle vicinanze sono stati colpiti dalle schegge”.

“Sparavano ovunque , strada per strada”, ha detto. “Sono arrivati ​​da tutte le direzioni, circa 100 soldati”.

Gli abitanti dei villaggi si rifugiano all’aperto per paura di attacchi aerei militari, a Deh Bu Noh, nello stato di Karen, 27 marzo 2021

3.000 cercano rifugio in Thailandia

Le implacabili uccisioni e la brutale repressione non hanno fermato le marce di protesta a Monywa, Myaing, Salay, Dawei, Mandalay, Sal e in molte altre città.

“Abbiamo affrontato due attacchi oggi”, ha detto un manifestante a Myitkyina, la capitale dello stato Kachin. “Hanno sparato a tutti i raduni usando proiettili di gomma.”

Nello stato di Karen, domenica, diverse migliaia di abitanti del villaggio sono fuggiti nella vicina Thailandia dopo che i militari hanno lanciato attacchi aerei contro i campi della Karen National Union (KNU), i cui combattenti avevano sequestrato un avamposto dell’esercito, uccidendo 10 persone.

L’Organizzazione Internazionale Karen ha affermato che i caccia militari del Myanmar hanno bombardato il territorio di Karen per la prima volta dall’inizio degli anni ’90, uccidendo almeno tre persone e costringendo più di 1.000 persone locali a nascondersi nella giungla.

L’agenzia di stampa Reuters ha citato la Karen Women’s Organization che ha detto che più di 3.000 Karen hanno attraversato la Thailandia. L’agenzia ha citato il Thai Public Broadcasting Service ha riferito che circa 3.000 avevano raggiunto la Thailandia.

Reuters riferisce che ll KNU, che faceva parte di un cessate il fuoco del 2015 con il governo che è stato gettato nell’incertezza dal colpo di stato, ha dato rifugio a centinaia di persone che sono fuggite dalla violenza nel Myanmar centrale.

La carneficina del fine settimana ha mostrato che “le forze di sicurezza del Myanmar devono essere urgentemente private delle armi, del denaro e delle risorse che consentono loro di operare, attraverso un embargo globale sulle armi e sanzioni economiche mirate applicate da un mandato del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”, ha detto Phil Robertson, vice Direttore per l’Asia di Human Rights Watch.

“E ‘tempo che la comunità internazionale faccia di più che rilasciare dichiarazioni formulate in modo duro quando il Tatmadaw e la polizia sparano ai bambini uccidendoli nelle loro case e ai manifestanti nelle loro strade”, ha detto domenica in una dichiarazione da Bangkok.

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: RFA,28/03/2021

Articolo in inglese:

Myanmar Soldiers Burn Man Alive in Weekend Orgy of Junta Violence

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.