Soffrire di malattie mentali in Cina

Ogni mattina Xiao – prima di andare a lavoro – legava sua figlia a un palo di legno, per evitare che scappasse. Quando gli assistenti sociali entrarono a casa sua e videro la bambina, che aveva cinque anni all’epoca, lei non aveva nemmeno le mutande addosso. Il padre preferiva lasciarla nuda, in modo che non si bagnasse i vestiti se urinava quando stava legata al palo.

Nella foto:Mei Lin ha 83 anni ed è l’unica della sua famiglia – composta da cinque persone – a non soffrire di malattie mentali. Yuyang Liu

La figlia di Xiao è una dei 100 milioni di cinesi che soffrono di disturbi mentali. Secondo i dati del centro nazionale cinese per le malattie mentali, risalenti al 2009, il 16 per cento di questi sono classificati come gravi. Ricevono in genere cure inadeguate e sono spesso completamente invisibili, dimenticati da una società dove lo stigma verso i problemi psichici è ancora molto radicato.

 Il fotografo cinese Yuyang Liu, di 23 anni, ha fotografato persone affette da malattie mentali nella provincia di Guangdong, nel sud della Cina.
Grazie ai suoi scatti, raccolti nella serie fotografica A casa con una malattia mentale, nel 2015 ha vinto la Ian Parry scholarship 2015. Le sue foto sono state riproposte recentemente anche da Time e The Guardian.
The Post Internazionale,31/07/2015
Articoli correlati:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.