Sichuan: arrestato perché crea un gruppo per difendere i diritti della gente

Pechino, Cina – L’attivista per i diritti umani Xing Qingxian è stato arrestato dalla polizia per “disturbo all’ordine sociale”. Il gruppo Chinese Human Rights Defenders (Chrd) denuncia che la sua unica colpa è aver documentato e denunciato molte violazioni dei diritti di cittadini.

La notte del 28 febbraio a Chengdu (Sichuan) una ventina di poliziotti ha prelevato Xing da casa, insieme a un altro attivista Li Yu che era con lui. La polizia gli ha sequestrato il computer e documenti. Li è stato trattenuto in commissariato per 4 ore, poi è stato accompagnato con la forza a Deyang, dove risiede, e rilasciato.

Xing è stato invece trattenuto dalla polizia. Di recente egli ha rivelato ai media esteri notizie su due scontri tra la polizia e i cittadini di Chengdu. Nel primo, il 20 febbraio, Yuan Xinggen si è opposto a una demolizione coatta e ha lanciato gasolio e fuochi d’artificio contro i poliziotti, ferendone 6. Nell’altro una trentina di persone si sono incatenate davanti al tribunale di Chengdu il 23 e 24 febbraio (nella foto), in protesta contro le ingiustizie da loro subite in vicende giudiziarie.

Nel 2004 Xing, dipendente delle ferrovie, è stato licenziato per avere chiesto con altri lavoratori il pagamento del lavoro straordinario. Per reazione ha studiato diritto e ha iniziato a fornire consigli legali sulla difesa dei propri diritti.

Da circa due settimane ha costituito con altri a Chengdu il gruppo ‘Azione per la difesa dei diritti’.

Renee Xia, direttore di Chrd, osserva che l’arresto “vuole colpire i difensori dei diritti umani che esercitano il diritto di informazione ed espressione raccontando storie locali di [abusi contro i] diritti. Le autorità sembrano volere disperatamente garantire la ‘stabilità’ in un periodo di crisi economica e con l’avvicinarsi di anniversari problematici, come la rivolta tibetana e il 4 giugno. La stabilità è davvero essenziale nel Sichuan, perché confina con il Tibet” e nella provincia ci sono molte zone di etnici tibetani.

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.