Shanxi: Ex detenuta dei campo di lavoro condannata nuovamente a quattro anni di carcere

La signora Guo Yunzhi di 61 anni è stata arrestata il 14 febbraio 2015 per aver diffuso in pubblico materiale informativo attinente alla persecuzione del Falun Gong perpetrata dal regime comunista.

 

.

Ricostruzione alimentazione forzata

Nell’agosto del 2015, a seguito di un processo tenutosi in segreto il 30 giugno, senza che il suo avvocato e i suoi familiari venissero avvisati, è stata condannata a quattro anni di reclusione da scontare nel Carcere femminile di Shanxi.

I responsabili della struttura si sono inizialmente rifiutata di ammettere la praticante a causa delle sue gravi condizioni di salute, tuttavia dal Centro di detenzione della città di Jincheng sono giunte pressioni affinché venisse accettata. Adesso, la signora Guo deve far fronte all’inverno rigido e all’ambiente inospitale, e resistere ai tentativi delle guardie carcerarie di costringerla a rinunciare alla sua fede.

In precedenza, era stata detenuta in un campo di lavoro forzato per 18 mesi nel 2001 e in un carcere per cinque anni nel 2004, dove è stata torturata e sottoposta brutalmente all’alimentazione forzata.

Maltrattata in un campo di lavoro

Il 20 gennaio 2001, la signora Guo è stata arrestata dagli agenti del Dipartimento di polizia di Jincheng perché sorpresa a diffondere notizie sulla persecuzione del Falun Gong.

Per un anno e mezzo è stata trattenuta nel campo di lavoro forzato femminile di Xindian, nella città di Taiyuan. In questo periodo di detenzione, le guardie le hanno fatto soffrire la fame con l’intento di farla rinunciare al suo credo nel Falun Gong. L’hanno anche privata del sonno e istigato altri detenuti a picchiarla e monitorarla attentamente.

Quando è stata rilasciata il 9 agosto del 2002, 21 giorni dopo il termine previsto, la signora Guo era debole e respirava a malapena, tuttavia, dopo aver ripreso a praticare il Falun Gong, ha riacquistato la salute in breve tempo.

Torturata nel centro di detenzione e nel carcere

Il 17 marzo 2004, la praticante è stata nuovamente arrestata e portata nel Centro di detenzione di Jincheng perché sorpresa a consegnare ad altri praticanti materiale del Falun Gong. Conseguentemente, la polizia ha anche perquisito la sua abitazione. E quando, nel corso della detenzione, ha iniziato uno sciopero della fame per protestare contro il suo arresto illegale (*), è stata legata al “letto della morte” (*) e sottoposta brutalmente all’alimentazione forzata attraverso il naso.

 
Ricostruzione della tortura: Il malcapitato viene legato mani e piedi al “letto della morte”

Dopo quasi tre mesi, la signora Guo era visibilmente dimagrita e aveva difficoltà a camminare, tanto che per recarsi in tribunale per il processo hanno dovuto sostenerla due persone. È stata condannata a cinque anni di reclusione e trasportata al Carcere femminile di Shanxi il 16 gennaio 2005, per essere “trasformata” (*) e costretta a rinunciare al suo credo.

Le torture inflitte alla signora Guo in questa prigione erano già state descritte in un articolo pubblicato precedentemente.

Una volta, la praticante è stata completamene inzuppata di acqua e ha dovuto sopportare, indossando unicamente una maglietta, la temperatura invernale estremamente fredda. È stata inoltre costretta a stare a piedi nudi sulle piastrelle di ceramica ghiacciate per tutta la notte. Successivamente, è stata appesa a un letto di metallo con le braccia e gambe divaricate per diversi giorni, e tenuta senza cibo né acqua.

Lo stipendio in cambio del “pentimento”

La signora Guo era impiegata presso il Consiglio amministrativo della contea di Zezhou nella città di Jincheng e dopo essere stata rilasciata dal carcere, le è stato sospeso lo stipendio.

Il capo dell’Ufficio 610 (*) di Zezhou le ha detto: “Non le verrà corrisposto un solo centesimo a meno che non scriva una dichiarazione di pentimento!”

Miglioramento della salute e delle relazioni sociali dopo aver imparato il Falun Gong

La signora Guo aveva in precedenza sofferto gravemente di diabete e di malattie cardiache. Aveva provato ogni tipo di cura, sia medica che non, senza tuttavia riscontrare alcun risultato. Tuttavia, poco dopo aver iniziato a praticare il Falun Gong nell’agosto del 1997, le sue malattie sono scomparse e ha riacquistato la salute.

Oltre a questo, la signora Guo ha riscontrato un miglioramento anche nel suo carattere. In passato, i suoi rapporti con la suocera erano decisamente tesi, tuttavia, dopo aver imparato il Falun Gong, si è presa cura per anni dell’anziana donna costretta a letto. E il suo comportamento non era passato inosservato alla suocera la quale ha affermato di essere fortunata ad avere una nuora come lei.

Informazioni sui contatti dei colpevoli:

Zhang Zhongqi (张忠琦): capo della Stazione di polizia di Zezhou, + 86-13935690863
Tian Yi (田 毅): capitano della filiale della Stazione di polizia di Jincheng, + 86-13935611808
Zhang Peng (张鹏): direttore del Centro di detenzione di Jincheng, + 86-15135638888
Hao Wanbin (郜 万 斌): presidente del Tribunale distrettuale di Chengqu nella città di Jincheng, + 86-356-2024332 (ufficio)

(*) GLOSSARIO

English version,Minghui.org:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.