Sfruttate ad ogni cambiamento: la vita delle prostitute cinesi in Italia

Le donne migranti hanno smesso di lavorare in fabbrica iniziando a prostituirsi per sopravvivere e fornire una vita migliore per i parenti a casa.

 

Milano, Prato, Roma e Venezia, Italia Indossando un cappotto invernale al ginocchio, Xiaoyan  attende il suo prossimo cliente vicino alla stazione ferroviaria principale di Venezia. Aggrappata alla sua borsa, assomiglia a qualsiasi altro passante ammucchiato nel freddo della sera.

Ma la donna cinese di 45 anni della provincia di Zhejiang, sulla costa orientale del paese, ha lavorato come prostituta negli ultimi tre anni.

È arrivata in Italia nel 2007 e, come molti suoi compatrioti, inizialmente ha trovato lavoro in piccole aziende di abbigliamento e calzature.

Con una stima di 300.000 cittadini cinesi, l’Italia ospita la più grande comunità  nell’Unione europea.

Xiaoyan è magra ma ha un’aspetto delicato, con capelli neri lunghi fino alle spalle e una frangia corta. Ha vissuto a Civitanova Marche, una città centrale, prima di dirigersi a nord.

“Lavoravo in piccole imprese di calzature gestite da cinesi, guadagnando circa 1.000 euro ($ 1.123) al mese”, ha detto, con la voce a malapena sopra un sussurro. 

“I turni sono continuativi. Dormivo a malapena. Quando arrivano gli ordini ho persino lavorato fino a 24 ore, non ce la facevo più a sopportarlo, non ero più in grado di tenere il ritmo”.

In Cina, Xiaoyan era una casalinga che si prendeva cura dei suoi due figli. Ma la sua famiglia aveva bisogno di soldi, così se ne andò.

Le persone di origine rurale in Cina hanno riferiscono che gli sono negati loro i diritti e benefici di base. Un sistema di registrazione delle famiglie noto come hukou determina l’accesso dei cittadini all’istruzione e al benessere sociale. Lasciare il villaggio diventa l’unico modo per i migranti rurali di assicurarsi un futuro migliore.

Dopo un impegnativo viaggio, finanziato con i prestiti di parenti e amici per un visto turistico, Xiaoyan alla fine raggiunse l’Italia.

“Il nostro capo cinese ci procurava cibo e alloggio, non ho mai lasciato la fabbrica in quegli anni. Si dormiva in questi ‘locali’, dice Xiaoyan.

Ore e ore con una postura errata gli ha causato un dolore cronico al corpo, diagnosticato da un medico. Anche il lavoro sessuale ha avuto un impatto sulla sua salute mentale e fisica.

 

Con circa 300.000 cittadini cinesi, l’Italia ospita la più grande comunità della diaspora nell’UE [Elisa Oddone / Al Jazeera]

Due anni fa Xiaoyan non fu in grado di mangiare per diversi giorni quando la sua faccia divenne parzialmente paralizzata per l’esposizione prolungata al freddo.

Nel 2017, un uomo l’ha portata fuori dalla città per violentarla, dopo di che le ha rubato le sue cose. Riuscì a dimenarsi e afferrò la sua carta d’identità. Ma quando andò alla polizia per presentare una denuncia, non fu  in grado di raccontare chiaramente l’accaduto a causa la sua scarsa padronanza con la lingua italiana.

“I clienti possono essere buoni o cattivi, a volte ho paura”, ha detto Xiaoyan. “Lavoro solo fino a mezzanotte, perché in seguito questa zona diventa molto pericolosa, è più facile essere derubati”.

Il rapporto sessuale costa 50 euro ($ 56), dice. Con un piccolo extra, potrebbe accettare il sesso senza preservativo.  Per altri rapporti chiede tra 10 e 30 euro ($ 11 e $ 34).

L’intervista termina quando i fari di una macchina catturano la sua attenzione. Arriva un cliente, inizia il suo lavoro. Nel frattempo, altre sette donne cinesi sono apparse sulla strada.

La prostituzione è legale in Italia, ma la prostituzione organizzata, sia al chiuso che per strada, non lo è.

Anche le case chiuse furono bandite nel 1958.

“C’è una richiesta estremamente alta di prostitute in Italia”, ha affermato Davide Prosdocimi, un assistente sociale della Somaschi di Milano, una fondazione religiosa che offre accoglienza e aiuto alla persone più vulnerabili. “I clienti sono estremamente numerosi: donne e transessuali, provenienti principalmente dall’Albania, dal Brasile, dalla Bulgaria, dalla Cina, dalla Nigeria, dal Perù e dalla Romania, sono facili da trovare online, nelle sale massaggi e per le strade”.

Xiaoyan dichiara che alcune donne sono minorenni e sono costrette dai loro sfruttatori a chiedere più soldi ai clienti. I cinesi non lo fanno, ha detto. Ma a prescindere dalla loro età, la maggior parte delle donne tende a rimanere per le strade per un lungo periodo, fino a otto anni.

Come in molti altri comuni italiani, a Mestre i clienti rischiano multe tra 250 e 500 euro (da $ 280 a $ 561) se colti sul fatto.

Secondo Marianna Benetello, del Numero Verde Nazionale per le vittime della tratta e/o dello sfruttamento, circa 30 donne cinesi lavorano nelle strade di Venezia. Circa una dozzina nei centri  massaggio, mentre il lavoro all’interno degli appartamenti è più nascosto.

Non ci sono cifre esatte sul numero di prostitute cinesi che lavorano in casa. Di solito hanno più di 29 anni e sono considerate il ​​gruppo più vulnerabile. 

I loro sfruttatori, per lo più cinesi, non mettono in discussione le loro attività, anche se in molti casi ne sono a conoscenza.

Le donne cinesi nei parlours di solito hanno documenti regolari e sono in buona salute, mentre quelle negli appartamenti no.  In entrambe le situazioni si muovono velocemente, saltando da una città all’altra.

Questo stile di vita è anche documentato dai reclami dei clienti su forum dedicati come gnoccaforum o gnoccatravels.

Le voci nel web descrivono le donne, ciò che offrono, i costi, le coordinate GPS per raggiungere la posizione e la presenza di barriere architettoniche per le persone con disabilità.

Nel vasto mondo della prostituzione online in Italia, le pubblicità cinesi rappresentano tra il 5 e il 10 percento delle offerte. 

“Siamo in contatto regolare con 13 donne cinesi che lavorano per strada”, dice Benetello, anche lei mediatore culturale italo-cinese a Venezia. “Le accompagniamo a controlli regolari e le aiutiamo per ottenere i documenti. La loro età media è di circa 50 anni. La più giovane ha 32 anni, e la più anziana ne ha 62.

“Le donne che lavorano per strada o all’interno degli appartamenti sono più anziane perché provengono da precedenti esperienze lavorative, sia come manovali che come cameriere. I turni di lavoro senza fine hanno avuto delle conseguenze gravi sui corpi delle donne, nella mente e nella loro psiche”.

Non ci sono cifre esatte sul numero di prostitute cinesi in Italia [Elisa Oddone / Al Jazeera]

I lavoratori cinesi in Italia sono costretti a vivere nelle fabbriche per essere più produttivi. Quando arrivano grandi ordini, spesso lavorano fino a 16 ore al giorno. I lavoratori sono pagati a pezzo, a volte guadagnando tra i 1.500 ei 2.000 euro ($ 1.685 a $ 2.246) al mese. Ma i guadagni non sono proporzionali agli sforzi.

Alla fine, quando la loro produttività diminuisce a causa di limiti fisici e problemi visivi, i lavoratori perdono il lavoro. 

Gli uomini non hanno altra scelta che tornare in Cina. Alcune donne decidono di rimanere, prendendo lavoro come baby-sitter o cameriere per proprietari cinesi, con salari molto bassi. Altri finiscono per essere sfruttate e entrano nel giro della prostituzione.

“Lo sfruttamento passa molto velocemente e in modo fluido, dallo sfruttamento del lavoro allo sfruttamento sessuale”, ha detto Benetello.

 

Storia della migrazione

I cinesi hanno iniziato a raggiungere l’Italia durante la seconda guerra mondiale.

Negli anni ’80 la loro presenza è cresciuta attraverso il settore dell’abbigliamento locale e, negli anni ’90, i lavoratori di tutta la Cina si sono trasferiti per produrre vestiti, scarpe e borse con il marchio “Made in Italy”.

Oggi, migliaia di persone lavorano in piccole aziende in tutta Padova e in altre aree. Circa 50.000 cinesi lavorano a Prato, la capitale tessile italiana vicino Firenze.

Diverse imprese sono state accusate di utilizzare lavoratori migranti privi di documenti, ignorando le norme di sicurezza e evadendo le tasse.

Esperti e attivisti affermano che le organizzazioni criminali sono probabilmente responsabili dello sfruttamento delle donne cinesi [Elisa Oddone / Al Jazeera]

A Prato, le pubblicità scritte in cinese si trovano ovunque, del tipo: “centro massaggi appena aperto, ragazze cinesi di 18 anni appena arrivate dalla Cina, carine, eleganti e ben educate al tuo servizio.”

In altri si legge: “giovani ragazze graziose appena arrivate da Taiwan: servizio completo”.

Alla luce della loro giovane età, gli operatori sociali affermano che la tratta di esseri umani potrebbe essere una triste realtà. Tuttavia, essendo una realtà chiusa ai soli cinesi è impossibile avere dei contatti  direttamente con le vittime.

Le donne cinesi che lavorano nelle strade di Prato sono invece le più vecchie. I loro clienti sono anziani italiani o migranti. Le donne in questa posizione mantengono un profilo estremamente basso, indossano abiti modesti e, in molti casi, parlano con potenziali clienti fingendo di attendere degli autobus alle fermate o nei parchi pubblici.

 

Corsa per scalare la scala sociale della Cina

Circa 300 km a nord, a Milano, i prezzi per fare sesso con le donne cinesi in strada scendono tra i 20 ei 30 euro (da $ 22 a $ 34).

Lavorano in un’area relativamente centrale, giorno e notte, in fabbriche o in centri massaggi. Tuttavia, preferiscono la strada perché offre l’anonimato.

Yanyan, 45enne elegantemente vestita, originaria della Cina nord-orientale, lavora ogni giorno con clienti fissi nella strada di Milano a Vallazze.

La strada è vicino a motel economici dove le prostitute, anche di altre nazionalità, portano i clienti.

Yanyan è divorziata e si è trasferita otto anni fa per sostenere suo figlio. Dopo aver lavorato in fabbriche di vestiti, aveva bisogno di un lavoro più redditizio.

“Mando soldi a mio figlio quando ne ha bisogno”, ha detto. Vive con sua nonna, ha 25 anni e sta attualmente sostenendo gli esami di stato per ottenere un lavoro nel settore pubblico. Questo è un esame molto difficile, ci sono migliaia di persone che combattono per quell’unico posto”.

Negli ultimi 25 anni, la Cina ha subito una trasformazione radicale e una crescita economica senza precedenti, ha dichiarato Daniele Brigadoi Cologna, docente di lingua cinese e ricercatrice all’Università dell’Insubria di Como.

Le persone sono estremamente preoccupate di essere lasciate indietro nella “corsa” per migliorare lo stato sociale, ha dichiarato.

Questo rende molto difficile offrire alternative a queste donne, il cui unico obiettivo è fare soldi per le loro famiglie e garantire la propria sopravvivenza, dicono gli assistenti sociali.

“In questa lotta non ci sono confini chiari e tutto è permesso”, dice Brigadoi Cologna. “Questo spinge le persone a concepire la propria commercializzazione a 360 gradi, abbracciando tutti gli aspetti della vita, a cominciare dal lavoro.”

Questa è la forza motrice che movimenta la migrazione.

“Tutte le donne e gli uomini arrivano con un visto turistico per una lunga permanenza programmata nel Paese. I migranti cinesi non entrano nel paese con le barche attraverso il Mediterraneo o i Balcani”, ha dichiarato Lorenzo Gestri, Pubblico Ministero di Prato.

Nel 2014, la sua squadra ha trovato un gruppo di cinesi ammassati in un appartamento con visti d’ingresso polacchi e francesi di tre mesi. Il sistema di visti Schengen consente alle persone di viaggiare legalmente attraverso l’Unione europea per 30 giorni dopo l’arrivo.

“Sembra che un pacchetto turistico costi tra 7.000 e 10.000 euro ($ 7.863 e $ 11.232), tra cui visti, viaggio, alloggio e diverse offerte di lavoro, organizzate da intermediari in Cina”, ha affermato.

Ha aggiunto che è difficile definire le informazioni su questi intermediari. “È ragionevole pensare che il primo anno di lavoro serva a ripagare l’intero viaggio.”

Alcune donne pagano più di 10.000 dollari per arrivare in Italia a lavorare e inviare denaro a casa [Elisa Oddone / Al Jazeera]

Quando i datori di lavoro hanno bisogno di lavoratori freschi questi arrivano quasi immediatamente a Prato. Si presume che gli “esploratori” cinesi siano incaricati di reclutare nuova manovalanza e coordinare il loro viaggio con gli organizzatori in Cina.

“Quando arrivano non hanno alcun tipo di informazione, ignorano anche l’esistenza di un permesso di soggiorno o la loro condizione di migranti [non documentata]”, ha detto Federica Festagallo, esperta di Cina che collabora con Be Free, una cooperativa sociale contro la tratta, violenza e discriminazione. “I cinesi contano sulla propria comunità”.

Inoltre, in una fase successiva, i documenti e i permessi di residenza sono ottenuti con l’aiuto di persone all’interno della propria comunità, in cambio di denaro.

“La persona che li sfrutta è anche colui che li nutre, dando loro un lavoro e la possibilità di sopravvivere in Italia”, ha detto Festagallo. “È molto difficile suggerire di citare in giudizio i loro sfruttatori”.

Al momento della pubblicazione, l’ambasciata cinese a Roma non ha risposto alla richiesta di commento di Al Jazeera.

“Non abbiamo alcuna cooperazione giudiziaria con le autorità cinesi”, ha detto Gestri, Pubblico Ministero di Prato. “Ogni volta che lo chiediamo, le loro risposte non mostrano nessuna disponibilità a collaborare”.

Tra le donne cinesi in Italia, alcune sono reclutate direttamente per lavorare nei salotti di massaggio. Rispondono agli annunci online e sui giornali cinesi.

I saloni proteggono i clienti riducendo il rischio di multe e gli fanno risparmiare i soldi di solito spesi per i motel.

Le donne, nel frattempo, massimizzano il proprio reddito vivendo e lavorando nei locali.

Le finestre in questi centri sono solitamente coperti da tende rosa, blu o colorate. Uno spioncino nella porta permette alle donne di vedere arrivare i loro clienti. In media in tre o quattro lavorano in un centro.

“Confrontando i dati raccolti dai clienti che chattano sui forum online con le informazioni degli assistenti sociali, abbiamo notato che nei due terzi dei casi, le donne nei centri massaggio offrono servizi sessuali minori”, ha affermato il ricercatore Brigadoi Cologna. “In assenza di rapporti sessuali completi non pensano a se stesse come prostitute.

Verso le 11:30 di lunedì, una donna sulla trentina che indossa pantaloncini e maglietta aderente apre la porta di una sala massaggi a due piani di Viale Padova a Milano. Alcune luci al neon illuminano l’architettura spoglia. Un cliente italiano con uno zaino entra da un’altra porta e chiede la “solita” donna.

A questo punto la donna fa dei segni ai reporter per farli andar via. Il cliente inizia a scendere al piano inferiore, dove presumibilmente si trovano le stanze.

“Non sappiamo chi siano i proprietari di questi salotti”, ha detto Carolina Jimenez, della Fondazione Somaschi di Milano. “Possiamo presumere che ci sia un’organizzazione criminale dietro. Quello che vediamo è che le donne responsabili di questi spazi sono probabilmente delle prostitute che sono riuscite a fare carriera nel corso degli anni.”

Diverse donne lavorano all’interno di saloni di massaggio [Elisa Oddone / Al Jazeera]

Tornando a Venezia, nelle strade di Mestre, Meiling, la coinquilina di Xiaoyan, ha detto che è in Italia da 20 anni.

Dopo aver lavorato per 14 anni in aziende cinesi che producono articoli di pelletteria, la cinquantatreenne è diventata una massaggiatrice nelle spiagge italiane. Si è trasferita nei saloni di massaggio in seguito, ma ha smesso quando si è ferita la mano.

“Quando lavoro per strada di solito ho un paio di clienti per notte”, ha detto. “Prima di andare per strada ho cercato di gestire un negozio ma sono andata in bancarotta poco dopo, ho perso 35.000 euro (39.000 dollari).

“Nel frattempo, mio ​​marito si è ammalato in Cina e ho dovuto pagare 60.000 euro (67.300 dollari) per le sue spese mediche. Oggi sono una vedova, ho paura che mio figlio possa scoprire questo lavoro, ma che altro posso fare?”

Tradotto da Laogai Research Foundation Italia Onlus


Fonte: di Elisa Oddone e Antonello Mangano, AL JAZEERA NEWS, 07/o4/2019

English Article: Al Jazzera News, Exploited at every turn: The lives of Italy’s Chinese prostitute

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.