Sequestro merce in un supermercato cinese di Mirano. “Partite Iva fasulle e etichette poco chiare, sequestro da 110mila euro”

Le etichette avevano partite Iva inventate, che non corrispondevano ad alcuna società importatrice o produttrice. Di più: alcuni prodotti in vendita non informavano sulla loro composizione, con la possibilità che alcune sostanze fossero presenti in quantità dannose per l’uomo.

Per questo motivo è scattato venerdì mattina un sequestro degli uomini della guardia di finanza di Mirano e degli ispettori della Camera di commercio di Venezia. La merce è stata requisita in un centro commerciale del paese veneziano, situato in via Cavin di Sala, gestito da una imprenditrice di nazionalità cinese. A essere tolti dal mercato soprattutto capi d’abbigliamento, ma anche prodotti per la cucina.

Una operazione ingente, visto che a essere sequestrati sono stati circa 5mila prodotti per un valore di oltre 110mila euro. Un danno economico pesante per l’attività, che comunque non ha chiuso i battenti visto che altra merce era stata importata regolarmente e recava sulle etichette tutte le informazioni previste dalla legge.

Per il resto dei capi era impossibile invece far luce su filiera e provenienza. “Violazioni delle norme sulla corretta etichettatura sono state inoltre riscontrate su alcune borse e persino su utensili da cucina”, dichiara la Finanza. Gli accertamenti delle fiamme gialle continueranno per individuare fatture di acquisto ed eventuali altre violazioni dal punto di vista fiscale.

VeneziaToday,13/09/2014

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.