Sequestrato orto tossico dei cinesi: acqua della tangenziale per irrigare

MARGHERA – L’orto abusivo e tossico dei cinesi è finito sotto sequestro: un’area di circa 20mila metri quadrati.
Sono stati i carabinieri del Nas di Treviso e Belluno, competenti per territorio, a porre i sigilli all’appezzamento comunale a ridosso della bretella della Carbonifera, estensione della tangenziale, in via Ulloa a Marghera, praticamente dietro alla sede della Legacoop.


Il terreno abbandonato, da quanto si è potuto appurare, è stato occupato senza autorizzazione alcuna da due cittadini asiatici – che sono stati denunciati – i quali si improvvisati contadini e imprenditori agricoli. Il tutto violando non solo la proprietà pubblica, ma almeno sulla base dei primi riscontri investigativi, anche tutta una serie di norme a tutela dell’ambiente e soprattutto della salute del consumatore finale.

Utilizzo massiccio di fitofarmaci e di sementi importati dalla Cina e quindi non conformi a controlli e certificazione Ue e addirittura impiego delle acque di scolo della vicina tangenziale per l’irrigazione: questo il quadro desolante e allarmante emerso dall’ispezione dei militari del Nucleo antisofisticazioni.

Il Gazzettino di Venezia,21 maggio 2017

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.