Sequestrati pesce e alimenti cinesi

Millequattrocento chilogrammi di prodotti ittici e alimentari provenienti dalla Cina, trovati in pessime condizioni di conservazione, sono stati sequestrati in un deposito della Zona Industriale di Catania dai carabinieri, che hanno denunciato quattro persone, due italiani e due cinesi. I militari, supportati da un elicottero, sono arrivati ad un negozio all’ingrosso denominato «Cina mercato» seguendo un autoarticolato proveniente da Prato. A compiere l’operazione sono stati i carabinieri della compagnia di Fontanarossa in collaborazione con il Nucleo antisofisticazione e sanità, il nucleo carabinieri presso l’Ispettorato del Lavoro ed i veterinari dell’Asp 3 di Catania. I denunciati sono i due gestori dell’esercizio commerciale e i due autotrasportatori, bloccati mentre stavano scaricando la merce, che era occultata tra capi di abbigliamento. Nei confronti dei gestori sono state elevate sanzioni amministrative per 18 mila euro. Tra la merce sequestrata 42 chilogrammi di meduse, 1.200 chilogrammi tra pesce e carne dei quali non è stato possibile individuare la provenienza perchè privi di etichetta, e 130 chilogrammi di generi alimentari con indicazioni in cinese e prodotti con etichette contraffatte. La merce, molto deteriorata, è stata distrutta su disposizione dell’autorità giudiziaria.

Fonte: Corriere del Mezzogiorno, 27 febbraio 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.